Peste suina, maxisequestro di carne dalla Cina: era destinata ai ristoranti asiatici in Italia

L'importazione in Italia di ben 10 tonnellate di carne suina, probabilmente affette dall'omonima peste, è stata sventata dalla Guardia di finanza di Padova con una maxi operazione nel capoluogo euganeo. Due le persone denunciate, di nazionalità cinese, per i reati di commercio di sostanze nocive, diffusione di malattie di animali, contrabbando, violazione della disciplina igienica della produzione e della vendita di sostanze alimentari. La carne era destinata a ristoranti cinesi di cui i due denunciati, titolari di una ditta di import specializzata, erano fornitori.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti