Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pride a Verona, migliaia in piazza (anche il sindaco Damiano Tommasi)

foto

Pride a Verona ricchissimo di temi. In tanti hanno sfilato per le vie del centro storico scaligero per ribadire la richiesta di tutela dei diritti della comunità Lgbt+, primo su tutti la sicurezza delle persone gay, lesbiche, bisessuali, transgender, «esasperate - è stato detto dagli organizzatori - dalle continue violenze che le colpiscono quotidianamente, e che spesso non vengono nemmeno denunciate». Migliaia di persone hanno preso parte questo pomeriggio al Pride di Verona, che ha riempito di colori piazza Bra, ed ha sancito simbolicamente il cambio culturale rispetto alla precedente amministrazione di Palazzo Barbieri con la presenza al corto del neo sindaco Damiano Tommasi.

Lazio Pride a Viterbo, gli organizzatori: «E' stato un successo. Peccato per le istituzioni»

Pride, chi è sceso in piazza

Così nella consueta cornice di popolo festante hanno risposto all'appello del pride, nella piazza davanti all'Arena, i vari circoli impegnati nella difesa dei diritti di omosessuali e transgender, ma anche rappresentanti 'esternì, come quelli dell'Ordine degli assistenti sociali del Veneto. Come aveva promesso, è arrivato anche il primo cittadino che ha ha dato lo start al corteo. Tommasi, che nei giorni scorsi aveva ribadito l'impegno della sua giunta a depennare le «mozioni omofobe del 1995», si è intrattenuto una decina di minuti con i rappresentanti dei pride scaligero, dando il suo appoggio, senza nessun discorso pubblico. «Marciamo per Verona - hanno detto i promotori - per riprenderci lo spazio che ci spetta all'interno della società, ma è necessario anche demolire gli schemi rigidi che ci vengono imposti».