Versace sfila a New York, in passerella torna l'abito super sexy che lanciò Liz Hurley

(di Costanza Ignazzi) 

Versace torna a sfilare a New York, ed è subito effetto nostalgia. Dopo l'acquisizione del marchio da parte del colosso Michael Kors, Donatella ha portato in passerella nella Grande Mela la sua collezione pre-fall 2019 tra capi iconici e volti storici che nessuno sembra aver dimenticato. Fantasie tartan, maglioni fluo, tubini animalier e acconciature dal sapore Seventies hanno sfilato intorno alla simbolica fiaccola della Statua della Libertà.

Donatella Versace, vita da star: «Mio figlio non dormiva perchè Elton John suonava il pianoforte»

E nel mezzo il vintage che avanza, come il modello che per eccellenza significa Versace: il Safety Pin dress (abito spilla da balia), remake di quello indossato nel 1994 dalla bellissima Liz Hurley. Erano tempi migliori, quando Liz, allora fidanzata di un giovane e piacente Hugh Grant, scelse quel vestito per la prima del film Quattro matrimoni e un funerale, rubando la scena a tutti gli altri partecipanti e venendo catapultata, con tutto l'abito, nell'Olimpo delle icone di stile. 

E non solo: in passerella per Donatella è scesa anche Amber Valletta con un modello ispirato a quello indossato da Jennifer Lopez ai Grammy Awards del 2000, scollo profondissimo, trasparenze ammiccanti, questa volta in stampa Love Versace con una pioggia di cuori colorati. L'effetto era prevedibile: Beyoncé compare sull'Instagram del marchio con una tuta gialla costellata di spille da balia, Kim Kardashian assiste alla sfilata insieme al marito fasciata in un modello dell'autunno inverno 1997 che ci sembra di aver già visto. Forse perchè è molto simile a quello indossato da Paris Hilton per il suo 21esimo compleanno, nel 2002. Effetto vintage, effetto vincente.  


LE VOCI DEL MESSAGGERO

Fare il vento è un modo di dire per dire che non si paga al ristorante

di Mauro Evangelisti