Al GayVillage c'è la Generazione Disagio (foto Cosimo Sinforini)