Claudio, il libraio romano che porta la letteratura negli ospedali: «Così facciamo sentire i pazienti meno soli»