Perle e diamanti, altro che brioches: all'asta il tesoro di Maria Antonietta

Celebre per la sua stravaganza, per lo sfarzo e per la ricchezza della sua corte, Maria Antonietta è molto spesso ritratta con indosso le sue perle. Ritenute da sempre segno di ricchezza e prestigio - grazie alla loro straordinaria bellezza e rarità - le perle naturali erano apprezzate da tutte le famiglie reali d'Europa del Settecento. Tra i top lot della collezione spicca uno splendido pendente con diamanti, che sorregge una perla naturale di dimensioni eccezionali (26 mm x 18 mm), stimato 1-2 milioni di dollari. Testimonianza dello splendore della corte francese sono anche un paio di perle naturali a goccia (stima 30.000 - 50.000 dollari) e una favolosa collana con ben 119 perle naturali (stima 200.000-300.000 dollari).
La collezione presenta inoltre una serie di gioielli dalle molteplici provenienze reali che mostrano come le maestose pietre della collezione di famiglia siano state montate, nel corso dei secoli, secondo svariati disegni e in base ai gusti propri di ogni generazioneRealizzata per Luisa di Francia (1819-1864), nipote di Carlo X, re di Francia e madre di Roberto I, Duca di Parma, questa parure mozzafiato di diamanti composta da 95 diamanti (stima 300.000-500.000 dollari) comprende: cinque diamanti solitari appartenuti alla figlia di Maria Antonietta, un gran numero di pietre che adornavano la spada del Duca di Berry, figlio di Carlo X e padre di Luisa (assassinato da un bonapartista nel 1820) e un grosso diamante a forma di pera proveniente dalla collezione dell'arciduchessa Isabella d'Austria, principessa di Croÿ (1856-1931). I tesori degli Asburgo e dei duchi di Parma .
 Highlight di questo gruppo è una tiara di diamanti a foggia di cartiglio, donata dall'imperatore Francesco Giuseppe (1830-1916) - uno dei monarchi con il regno più lungo d'Europa - a sua nipote, l'arciduchessa Maria Anna d'Austria (1882-1940) in occasione del suo matrimonio avvenuto nel 1902 con Elia di Borbone, duca di Parma (1880-1959). Questo sfarzoso diadema fu creato da Köchert, prestigiosa maison viennese fondata nel 1814, che fu al servizio della casa imperiale d'Austria per ben quattro generazioni (stima 80.000-120.000 dollari)


LE VOCI DEL MESSAGGERO

´╗┐Piumino, t-shirt e calzini bassi, ma i ragazzi non hanno freddo?

di Raffaella Troili