CORONAVIRUS

Coronavirus, la speranza dal farmaco anti-diabete: «Può ostacolare l'azione del virus»

Lunedì 6 Aprile 2020 di Graziella Melina

Una nuova linea di ricerca per la cura del Covid 19 arriva dai diabetologi. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Diabetes Research and Clinical Practice, condotto da Gianluca Iacobellis, a capo del Servizio di Diabetologia dell'ospedale universitario di Miami, per arrivare al virus, oltre alla porta di ingresso principale, ossia il recettore Ace2, che si trova soprattutto sulle cellule del sistema respiratorio umano, bisogna valutare il recettore Dpp4: presente sulla superficie di tutte le cellule, come quelle di bronchi e cuore, ha un legame con il sistema immunitario e con quello infiammatorio.

Coronavirus, scoperta nuova via con cui invade l'organismo: è recettore sensibile a farmaci anti-diabete
 

Il suo coinvolgimento nella Sars, la malattia da coronavirus comparsa nel 2002-2003, era già noto. Per Iacobellis, insomma, «esiste anche un meccanismo diverso, che potrebbe aprire una via terapeutica per chi ha la malattia Covid-19 in forma moderata». L'obiettivo dei ricercatori è ora quello di riuscire a capire fino a che punto i farmaci anti-diabete possono essere efficaci per il Covid-19.

LA TERAPIA
Intanto, l'Università di Miami ha iniziato uno studio osservazionale per verificare se i pazienti contagiati dal nuovo coronavirus e trattati con la terapia per il diabete abbiano un decorso diverso. «Si apre una nuova prospettiva che però va indagata in modo approfondito», spiega Maurizio Sanguinetti, direttore del dipartimento di Scienze di Laboratorio e infettivologiche della Fondazione Policlinico Gemelli di Roma e presidente della Società europea di Microbiologia e Malattie infettive (Escmid). Gli studi scientifici finora hanno evidenziato che «se c'è un ruolo per il Dpp4 è però minoritario, non è la via principale di accesso, ed è controverso se lo sia in ogni caso, infatti non è stato studiato in dettaglio». È insomma da valutare la possibilità che «farmaci che interferiscono con questo recettore possano interferire o quantomeno ridurre almeno parzialmente l'entrata del virus. Anche in questo caso sarebbe opportuno condurre qualche trial anche in situazione di emergenza per poter appurare se questo approccio è corretto o meno. Questi farmaci possono essere una prospettiva ma sono dunque da verificare».

FATTORE TEMPO
Si tratta comunque di uno studio che «spinge a studiare in modo più approfondito i meccanismi di entrata del virus nelle nostre cellule per potere mettere a punto i farmaci più efficaci possibile». Come per tutte le altre sperimentazioni in corso è troppo presto per cantare vittoria. Di studi sul Covid 19 ce ne sono sempre nuovi. «Bisogna cercare però di sveltire il più possibile la sperimentazione dei farmaci, rimanendo dentro i binari della correttezza scientifica. Non possiamo autorizzare qualsiasi cosa».

Ultimo aggiornamento: 08:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani