Morgnano, voci dal sottosuolo
i racconti dei minatori nello spettacolo di Zinzi

Venerdì 5 Luglio 2013 di Marica Stocchi
Da venerdì 6 giugno al Pozzo Orlando della Miniera di Morgnano (località Santa Croce) va in scena uno spettacolo speciale che vuole dar voce ai minatori di Morgnano e alle loro famiglie (www.progettominiera.it). Una scrittura originale di Thomas Otto Zinzi, anche regista e interprete insieme con Marco Ubaldini, Giuliano Volpinari, Guglielmo Frabetti, Virginia Ferruccio, Giulio Sirolli, Giulio Gorissen, Eleonora Di Raffaele, Edoardo Riganti Fulginei e Fausto Manasse.



«La bocca della miniera - spiega l’autore - è chiusa da più di cinquanta anni ma le voci dal ventre della terra ancora si sentono. Sono le voci che continuano a scavare nella vita di tutti i giorni, nella memoria di anni di sofferenza e di grandi traguardi». Due mondi, quindi, quello sotto, e quello sopra la terra di Spoleto e d’Italia. «Una storia ancora viva ed universale di minatori sopra e uomini sotto il pavimento del mondo, a trecentocinquanta metri di profondità dalla nostra vita». In scena anche Benigno Fabbi, minatore del Pozzo Orlando, assieme ad altri testimoni e protagonisti della vita in miniera. Fino al 13 luglio, sempre alle 19.30.





Ultimo aggiornamento: 6 Luglio, 08:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il basket in carrozzina rende giovani e tenaci

di Mimmo Ferretti