CORONAVIRUS

FAKE: Centinaia di pipistrelli in vendita al mercato di Wuhan

Domenica 9 Febbraio 2020 di Alix Amer
Sono diversi i video che mostrano asiatici mangiare zuppa di pipistrello. Da tempo circolano ampiamente sui social network, con didascalie che suggeriscono che mangiare pipistrelli sia una possibile fonte dell’epidemia di coronavirus cinese. Molti di questi filmati però sono stati girati a migliaia di chilometri di distanza dalla Cina e non hanno alcun collegamento con l’esplosione del virus. Il team France 24 Observers ha studiato quattro dei video più condivisi sulla “zuppa di pipistrello” che sono circolati da quando l’epidemia è stata dichiarata a Wuhan.

Uno di questi mostra un mercato in cui si vede vendere carne di pipistrello. L’account Instagram @coronavirusdaily ha pubblicato il video, sostenendo che è stato girato in un mercato di Wuhan. Ma non è così. Il video è stato successivamente rimosso, ma un’altra versione dello stesso filmato è stata pubblicata su Twitter e ha ottenuto oltre 10.000 visualizzazioni.

Prendendo gli screengrabs del video e sottoponendoli a una ricerca inversa di immagini su Yandex. È stato possibile raccogliere diversi video simili: tutti girati in Indonesia. Cercando poi le parole chiave “Indonesia” e “pipistrelli” in inglese su YouTube è stato facile trovare il video originale, che è stato pubblicato dal noto canale YouTube Travel Thirsty.

Pubblicato online a novembre 2019, è stato girato in un mercato nella città indonesiana di Manado.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi