Emiliano Sala, la fidanzata choc: «Non credo a un incidente, indagate sulla mafia del calcio»

Mercoledì 23 Gennaio 2019 di Simone Pierini
Emiliano Sala, la fidanzata choc: «Non credo a un incidente, indagate sulla mafia del calcio»

«Non credo a un incidente, indagate sulla mafia del calcio». Parole scritte da Berenice Schkair, fidanzata di Emiliano Sala, il calciatore disperso dopo che domenica notte l'aereo che lo stava portando da Nantes e Cardiff è scomparso dai radar mentre sorvolava il canale della Manica. Un'accusa forte lanciata tramite un tweet, poi cancellato, che getta ombre sul destino del 28enne italoargentino

Emiliano Sala, serve solo un miracolo. La famiglia: «Persa ogni speranza di trovarlo vivo» 

L'AUDIO CHOC: «L'aereo cade a pezzi. Ho paura»​

Emiliano Sala aveva predetto l'incidente

Berenice Schkair è andata all'attacco dei soccorritori, colpevoli secondo la bionda fidanzata di Emiliana Sala di aver sospeso le ricerche (in realtà riprese questa mattina alle 7,30) troppo presto: «Incredibile che abbiano sospeso le ricerche proprio al momento del ritrovamento dei primi detriti»

IL TWEET CANCELLATO 

La modella argentina resta comunque aggrappata alla speranza di ritrovare il suo Emiliano. «So che sei da qualche parte», scriveva ieri sempre su twitter. Oggi una sola parola, una preghiera: «Esperanza»
 

LE RICERCHE

Nel frattempo «Sono riprese questa mattina alle 7.30 le ricerche del Piper scomparso a bordo del quale c'erano il pilota ed Emiliano Sala, neo acquisto del Cardiff. Le condizioni sono migliorate e vengono utilizzati due aerei da ricerca». Lo ha fatto sapere la polizia di Guernsey. «La zona su cui si concentrano ora le ricerche è quella di Alderney, un'area mirata che riteniamo abbia la più alta probabilità di trovare qualcosa, in base alla revisione delle maree e del tempo da quando il velivolo è scomparso», ha proseguito la polizia, che ha spiegato in alcuni tweet come «e ricerche aeree si svolgeranno anche sulle aree costiere intorno a Alderney e le rocce e le isole poco distanti».

I soccorritori si stanno muovendo in base a quattro possibilità: che il Piper sia atterrato altrove, che sia atterrato sull'acqua e sia stato soccorso da una qualche barca ma in nessuno dei due casi ci sia stata la possibilità di mettersi in contatto; che i due passeggeri, una volta atterrati sull'acqua, abbiano abbandonato il velivolo sulla zattera di salvataggio che era a bordo, ed è l'ipotesi principale sulla quale si stanno basando le ricerche; che il Piper si sia schiantato in acqua, lasciando il pilota e Sala in mezzo al mare.

Ultimo aggiornamento: 19:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma