Berlusconi, domani vertice del centrodestra a Roma. Pd, M5S e Iv: l'opzione Mario Draghi comincia a decollare

Sette giorni fa c'era stato l'ultimo vertice nella Capitale, a Villa Grande sull'Appia

Berlusconi, oggi riunione di Forza Italia ad Arcore. Domani vertice del centrodestra a Roma
4 Minuti di Lettura
Venerdì 21 Gennaio 2022, 17:53 - Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio, 00:01

Giornate lunghe e complicate per la coalizione di centrodestra. Giornate fatte di consultazioni, riunioni e telefonate tra Roma e Arcore. Oggi si sono incontrati in presenza gli esponenti di Forza Italia: si sono visti ad Arcore nella residenza di Silvio Berlusconi. Domani, invece, a Roma ci sarà un vertice di tutta la coalizione. E dunque ci sarà un nuovo faccia a faccia tra Matteo Salvini, Giorgia Meloni e Silvio Berlusconi dopo l'ultimo, a Villa Grande, che aveva ufficializzato la corsa dell'ex premier.

«Silvio Berlusconi, Matteo Salvini e Giorgia Meloni si sono sentiti oggi al telefono. È in programma per domani, a Roma, un vertice della coalizione. In occasione dell'elezione del Presidente della Repubblica, il centrodestra avrà una posizione condivisa e unitaria». È quanto si legge in una nota congiunta dei tre leader.

A Villa San Martino di Arcore, residenza brianzola di Silvio Berlusconi, si sono incontrati i capogruppo di Forza Italia alla Camera, Paolo Barelli, e al Senato, Anna Maria Bernini, e la senatrice Licia Ronzulli, oltre al presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri. La delegazione è arrivata alla Villa del Cavaliere verso l'ora di pranzo ed è uscita verso le ore 16. Al centro del colloquio, l'eventuale corsa del leader di Forza Italia per il Quirinale.

Quirinale, Salvini: «Da centrodestra una o più proposte di alto livello. Nessuno potrà mettere veti»

Quirinale, Berlusconi tra la ritrovata centralità e la ricerca del piano B: il colpo di scena

I partiti e i tre schemi

Domani tutti si aspettano che il Cav sciolga la riserva sul suo nome. Se avverrà si potrebbe aprire una nuova fase politica alla vigilia del primo voto dei Grandi elettori previsto per lunedì alle 15. La decisione dell'incontro romano è stata presa dopo una telefonata a tre con Matteo Salvini e Giorgia Meloni che con tutta probabilità avranno pressato il Cavaliere ad accelerare i tempi. Nel frattempo, tra i partiti circolano con insistenza tre nomi: Mario Draghi, Pierferdinando Casini e Sergio Mattarella. Rigorosamente in quest'ordine. Tre nomi che portano a tre schemi diversi, tutti molto complicati da realizzare.

Soprattutto due di queste strade tengono aperto il problema principale della sopravvivenza del governo ed una, quella di Casini al Colle, di come potrebbe reagire Mario Draghi che si trova alla guida di un esecutivo d'emergenza, cioè non suo. La giornata si è aperta di buon mattino con un incontro tra il segretario del Pd Enrico Letta e Matteo Renzi. Assai più ciarliero si è mostrato il leader di Italia viva che si è detto sicuro che l'Italia avrà un presidente già giovedi o al massimo venerdì. Cioè alla prima o seconda votazione con la maggioranza assoluta. Renzi ha assicurato che se Mario Draghi salirà al Quirinale ci sarà bisogno di una figura istituzionale per guidare un governo che sarà orfano del carisma dell'ex governatore della Bce.

Quirinale: scoiattolo, insalatiera, kingmaker e anche "bis" (di Mattarella). Ecco le dieci parole da ricordare

Draghi rimane in pole position ma in bilico: infatti, pur provati dalle discussioni interne, i Cinque stelle iniziano a ragionare seriamente sull'opzione Draghi ed anche la Lega sembra meno granitica nella sua opposizione ma nessuno sa come risolvere il rebus del futuro governo. Il secondo schema è più indietro e rimane sottotraccia: portare al Quirinale una figura che pur non piacendo troppo non urti nessuno. Ecco quindi che esce dal silenzio in cui era piombato il nome di Pierferdinado Casini, centrista doc che ha navigato nella sua lunga carriera parlamentare in quasi tutte le acque. Il terzo schema mai abbandonato da mesi è quello di non cambiare niente: Bis di Mattarella e Draghi a finire il suo lavoro al governo, magari con un rimpasto. Soluzione che piace ai Cinque stelle ma non solo. Resta il reiterato diniego di Sergio Mattarella: ma se tutti glielo chiedessero potrebbe dire di no?

Draghi, cosa succede se diventa Presidente della Repubblica? Chi va al governo? Gli scenari e le incognite

© RIPRODUZIONE RISERVATA