Vendite a Milano e nel resto d'Europa

Martedì 4 Dicembre 2018
(Teleborsa) - Giornata negativa per Piazza Affari, che chiude le contrattazioni in ribasso, assieme agli altri Eurolistini. Anche Wall Street mostra un andamento negativo.

L'Euro / Dollaro USA continua la seduta sui livelli della vigilia, riportando una variazione pari a -0,2%. Lieve aumento dell'oro, che sale a 1.237 dollari l'oncia. Seduta sulla parità per il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che si attesta a 53,04 dollari per barile.

Sale lo spread, attestandosi a +288 punti base, con un incremento di 6 punti base, con il rendimento del BTP decennale pari al 3,14%.

Tra i listini europei preda dei venditori Francoforte, con un decremento dell'1,14%, tentenna Londra, che cede lo 0,56%, e si concentrano le vendite su Parigi, che soffre un calo dello 0,82%.

Sessione negativa per Piazza Affari, con il FTSE MIB che lascia sul parterre l'1,37%, arrestando la serie di tre rialzi consecutivi, avviata giovedì scorso; sulla stessa linea, chiude in retromarcia il FTSE Italia All-Share, che scivola a 21.254 punti. Sotto la parità il FTSE Italia Mid Cap, che mostra un calo dello 0,49%, come il FTSE Italia Star (-0,5%).

Alla chiusura della Borsa di Milano, il controvalore degli scambi nella seduta odierna risulta essere stato pari a 1,69 miliardi di euro, in deciso ribasso (-43,3%), rispetto alla seduta precedente che aveva visto la negoziazione di 2,99 miliardi di euro; mentre i contratti si sono attestati a 192.471, rispetto ai precedenti 276.298 ed i volumi scambiati sono passati da 1,8 miliardi di azioni della seduta precedente agli odierni 1,1 miliardi.

Tra i 218 titoli scambiati, i titoli positivi sono stati 66, mentre 142 hanno terminato in calo. Sostanzialmente stabili le restanti 10 azioni.

chimico (+1,12%) e alimentare (+0,84%) in buona luce sul listino milanese. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti tecnologia (-2,91%), bancario (-1,99%) e beni per la casa (-1,90%).

Tra le migliori Blue Chip di Piazza Affari, bilancio positivo per Campari, che vanta un progresso dello 0,88%.

Sostanzialmente tonico Diasorin, che registra una plusvalenza dello 0,53%. I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Prysmian, che ha archiviato la seduta a -4,12%.

Sensibili perdite per CNH Industrial, in calo del 3,80%.

In apnea Moncler, che arretra del 3,74%.

Tonfo di UBI Banca, che mostra una caduta del 3,51%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Biesse (+4,92%), FILA (+4,78%), RCS (+3,81%) e Brunello Cucinelli (+1,94%). Le peggiori performance, invece, si sono registrate su Banca Ifis, che ha chiuso a -4,14%.

Lettera su Tod's, che registra un importante calo del 4,00%.

Affonda Fincantieri, con un ribasso del 2,52%.

Crolla Juventus, con una flessione del 2,40%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri