Vanguard rafforza la squadra in Italia e punta a nuovi accordi con reti di consulenti e banche

Vanguard rafforza la squadra in Italia e punta a nuovi accordi con reti di consulenti e banche
3 Minuti di Lettura
Martedì 25 Gennaio 2022, 20:34

Vanguard, società di gestione del risparmio con un patrimonio gestito di oltre 8.400 miliardi di dollari Usa, celebra il terzo anniversario del suo ingresso in Italia avvenuto nel 2019 con la quotazione dei suoi primi Etf su Borsa Italiana. Guidata da Simone Rosti nel ruolo di country head, dopo aver aperto nel marzo 2021 una sede a Milano,  a oggi su Borsa Italiana conta 25 Etf quotati, di cui 14 azionari e 7 obbligazionari e 4 multi-asset in diverse classi di azioni. Fra gli obiettivi raggiunti ci sono a fine 2020 la quotazione di Vanguard LifeStrategy, la gamma di portafogli di Etf multi-asset (che ad oggi contano quasi 400mln di euro di patrimonio in gestione), il lancio di soluzioni indicizzate azionarie e obbligazionarie con focus Esg e partnership tra cui quella con Banca Widiba e Banca Aletti. 

L’impegno di Vanguard nei confronti del mercato italiano, si legge in una nota, è ulteriormente confermato dal costante rafforzamento del team locale che attualmente conta otto persone. Recentemente ha infatti fatto il suo ingresso Elena Mainini, proveniente da Ninety One (precedentemente Investec AM), nel ruolo di Sales Executive. Il nuovo ingresso amplia il team italiano di Vanguard aggiungendosi a Simone Rosti, Marco Tabanella, Diana Lazzati, Ilaria Boscoscuro, Massimo Corneo, Nicolò Olivieri e Graziana Filieri.

“Il rafforzamento della sede milanese di Vanguard conferma il successo dell’attività avviata in Italia tre anni fa - afferma Rosti -. In questo lasso di tempo abbiamo raggiunto obiettivi importanti grazie alla fiducia degli investitori italiani, sia istituzionali sia retail, tramite l’ampliamento del team locale e l’inserimento di risorse dedicate. Vanguard sta dando al mercato un supporto fondamentale verso un contesto di costi più bassi, semplificazione degli investimenti e maggiore trasparenza. Nel lungo periodo riteniamo che una presenza stabile possa rafforzare quanto avviato con successo e possa consentirci di operare in maniera sistematica, non solo con i gestori professionali e gli investitori istituzionali, ma anche con reti di consulenza finanziaria e banche private. Riteniamo infatti che il mondo del collocamento tradizionale, basato su commissioni e retrocessioni, possa essere superato", ha concluso Rosti.

Nel 2022 l’obiettivo di Vanguard, afferma ancora il comunicato, sarà quello di continuare a crescere, ampliare questa tipologia di accordi, facendo leva sull’attività di supporto ai consulenti finanziari attraverso il modello Advisor’s Alpha, ideato per costruire portafogli coerenti con il profilo di rischio dei clienti, ottimizzare l'efficienza fiscale e aiutare i clienti a raggiungere i propri obiettivi, senza dimenticare gli aspetti di finanza comportamentale. Un ulteriore elemento di sviluppo sarà il lancio del programma Vanguard 360 dedicato ai consulenti finanziari. Attivo per ora nel Regno Unito e in Germania, Vanguard 360 si compone di quattro diverse tipologie di servizi: analisi e commenti, formazione e conoscenza, servizi di portafoglio e supporto marketing.

© RIPRODUZIONE RISERVATA