Unicredit pronta a smaltire 3 miliardi di NPL

Martedì 29 Gennaio 2019
(Teleborsa) - Il Gruppo di Piazza Gae Aulenti fa ancora pulizia in bilancio e punta a smaltire altri 3 miliardi di euro di crediti deteriorati, cosiddetti NPL.

A partire dal terzo trimestre 2016, UniCredit ha ridotto il suo portafoglio di crediti deteriorati di oltre 36 miliardi (dato aggiornato al terzo trimestre 2018) ed è impegnata ad "azzerare il suo portafoglio Non-Core entro il 2021". Conseguentemente, il rapporto tra crediti deteriorati lordi e totale crediti per il "Group Core" si è attestato a 4,3% nel terzo trimestre del 2018, in linea con la media del campione EBA. Lo ha fatto sapere di recente, lo stesso istituto guidato da Jean Pierre Mustier, dopo il pressing della BCE sulle banche italiane in merito agli NPL.

A febbraio, secondo indiscrezioni stampa, dovrebbe entrare in lavorazione il primo portafoglio da 800 milioni, mentre la restante tranche potrebbe essere smaltita nei mesi successivi. Il progetto ribattezzato Sandokan 2, seguirebbe un'operazione analoga lanciata a fine 2015, seppur di importo inferiore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani