Unicredit in utile nel 2° trimestre. Mustier conferma target utile e dividendo 2021

Giovedì 6 Agosto 2020
(Teleborsa) - UniCredit chiude il primo semestre con una perdita di 2,3 miliardi di euro, che si confronta con un utile superiore ai 3 miliardi dell'anno precedente, ma il secondo trimestre ha visto un utile di 420 milioni di euro, superiore alle attese del mercato, dopo la perdita archiviata nel primo trimestre dell'anno.

Sul semestre, i ricavi registrano un calo del 7,9% a 8,5 miliardi, di cui il margine di interesse si contrae del 3,1% e le commissioni del 3,4%. Nel trimestre ricavi a quasi 4,2 miliardi, di cui 2,4 miliardi di margine di interesse e 1,4 miliardi di commissioni.

"Abbiamo visto i primi segnali di ripresa commerciale alla fine del 2° trimestre 2020, quando le economie hanno iniziato a riaprire nella maggior parte dei nostri mercati core", ha spiegato il Ceo Jean Pierre Mustier, che conferma anche il target 2021 per l'utile netto sottostante tra 3 e 3,5 miliardi e l'impegno a ripristinare i dividendi nel 2021 come previsto da Piano Tream 23, compresa la restituzione del capitale in eccesso agli azionisti.

Solidi indicatori di liquidità e capitale, con un CET1 ratio fully loaded al 13,85% ed elevato liquidity coverage ratio al 173%.
"Grazie alla positiva attuazione di Transform 2019, abbiamo una robusta posizione di liquidità e un capitale molto solido, con un CET1 MDA buffer fully loaded di 481 pb, ampiamente al di sopra del nostro target di 200-250 pb", ha spiegato l'Ad. Il costo del rischio del 1° semestre si è attestato a 91 pb ed è stato confermato quello del 2020 100-120 pb.

A proposito del periodo intercorso dallo scoppio della pandemia, Mustier a spiegato che la solida posizione ha consentito alla banca, durante il trimestre di "fare la propria parte nel sostenere l'economia, erogando 35 miliardi di finanziamenti in moratoria mantenendo nel contempo un approccio disciplinato al rischio, con il 71 per cento dei finanziamenti investment grade nel Commercial Banking Italy. I volumi totali della moratoria si stanno stabilizzando, mentre i volumi con garanzia statale sono in costante crescita, con 7 miliardi concessi"

In merito all'operatività, il Ceo ha aggiunto "grazie al proseguimento della nostra trasformazione digitale – componente centrale della nostra strategia di Team 23 – abbiamo rapidamente cambiato le nostre modalità di lavoro per riflettere la nuova normalità, guidata dai servizi da remoto".

© RIPRODUZIONE RISERVATA