Trump congela trattative su maxi piano aiuti fino alle elezioni

Mercoledì 7 Ottobre 2020
(Teleborsa) - Il Presidente americano Donald Trump ha chiuso le trattative con i leader democratici su un nuovo pacchetto di stimoli all'economia, a dispetto dell'appello lanciato dal numero uno della Fed Jerome Powell, che in giornata aveva sostenuto la necessità di politiche fiscali e monetarie accomodanti per rafforzare la ripresa dell'economia dopo lo shock del coronavirus.

"Ho incaricato i miei rappresentanti di bloccare i negoziati sino a dopo le elezioni, quando, subito dopo aver vinto, approveremo un importante Stimulus Bill che si concentra sul lavoro delgi americani e sulle piccole imprese", ha scritto Trump su Twitter. Un'affermazione che ha spinto il Segretario di Stato Steve Mnuchin ad informare la speaker della Camera Nancy Pelosi che le trattative saranno sospese nelle prossime settimane.

Le trattative fra Democratici e Repubblicani andavano avanti da settimane, con uno scarto di circa 600 milioni fra i 2.200 miliardi proposti dai Democratici ed i 1.600 miliardi proposti dalla Casa Bianca. La Pelosi, negli ultimi giorni, era sembrata ottimista sulla possibilità di raggiungere un accordo bipartisan, che ora è definitivamente tramontato con il veto del Presidente (almeno sino alle elezioni del 3 novembre).

Poi, il discorso di Powell, ieri, aveva alimentato un certo ottimismo sulla possibilità che il nuovo pacchetto venisse approvato, stanti le pressioni della Fed a fornire tutti gli aiuti necessari all'economia.

L'annuncio ha provocato anche il crollo della Borsa di New York, dove l'indice S&P 500 ha ceduto l'1,4% in chiusura, dopo aver fatto meglio in giornata sulla speranza che il nuovo pacchetto potesse essere approvato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA