Borsa di Tokyo chiusa per guasto tecnico: hardware difettoso, caso senza precedenti

Giovedì 1 Ottobre 2020
Borsa di Tokyo chiusa per un guasto tecnico: hardware difettoso, caso senza precedenti

Un guasto tecnico al sistema informatico ha bloccato Tokyo in una giornata in cui buona parte dei maggiori listini asiatici sono chiusi per festività. Oltre alla Corea del Sud, ferma da ieri, hanno chiuso i battenti, in occasione della Festa di metà autunno che cade oggi, le borse cinesi, di Hong Kong e Taiwan. Buono l'andamento delle poche borse aperte, Sydney (+0,98%) e Singapore (+1,25%), sulla scia di Wall Street e dell'ottimismo sul pacchetto di stimoli fiscali negli Stati Uniti che spinge in rialzo i futures europei e americani.

La Borsa di Tokyo è stata colpita da un problema di sistema, un raro problema tecnico che avrebbe potuto alterare gli scambi. Il Japan Exchange Group ha annunciato lo stop per l'intera seduta precisando che dovrebbe riprendere le normali negoziazioni domani. Ha parlato di un hardware difettoso coinvolto nella trasmissione delle informazioni sui prezzi affermando che il passaggio all'hardware di backup non è avvenuto correttamente. Un portavoce ha escluso per il momento un attacco di pirateria informatica. «Ci scusiamo con gli investitori e gli operatori di mercato per aver causato le interruzioni» ha detto il gruppo in una nota. Si tratta della prima volta che un'intera giornata di negoziazione di azioni è stata interrotta da quando la borsa è passata a un sistema di negoziazione completamente computerizzato nel 1999.

© RIPRODUZIONE RISERVATA