Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tesoro, atteso secondo semestre "sfidante". Crescita PIL "lievemente positiva"

Tesoro, atteso secondo semestre "sfidante". Crescita PIL "lievemente positiva"
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2022, 19:45
(Teleborsa) - "Il robusto incremento del PIL previsto per il secondo trimestre dovrebbe portare la crescita acquisita al T2 in linea, se non al di sopra della previsione media annua del DEF (3,1%). La seconda metà dell'anno si presenta più sfidante, anche per via della salita dei tassi di interesse e dello spread, ma la crescita trimestrale del PIL dovrebbe rimanere lievemente positiva". Lo scrive il Tesoro nel programma di emissione dei titoli di Stato per il terzo trimestre del 2022, aggiungendo che "l'inflazione è prevista decelerare nella seconda metà dell'anno, pur restando elevata in confronto agli anni scorsi e vulnerabile a nuove impennate dei prezzi energetici".

Viene visto come "ancora plausibile" raggiungere o superare la previsione di crescita del DEF per l'anno in corso, nonostante la recente correzione nei mercati finanziari e l'allargamento dello spread "potrebbero avere effetti negativi sulla fiducia di famiglie e imprese nei prossimi mesi, nonché sulla spesa per beni durevoli attraverso l'effetto ricchezza nella seconda parte dell'anno".

Sul fronte dell'inflazione, il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF) afferma che "è lecito immaginare che se si confermerà la tendenza alla stabilizzazione o al ribasso dei prezzi dell'energia, l'inflazione complessiva rallenterà nella seconda metà dell'anno". Allo stesso tempo viene ammesso che la componente di fondo potrebbe rimanere "relativamente elevata" anche perché è prevedibile che la crescita salariale cominci ad accelerare. Viene ricordato che l'Istat ha pubblicato una previsione di inflazione al netto degli energetici importati del 4,7% per il 2022, che sarà il riferimento di partenza per aggiustamenti previsti dai contratti salariali vigenti o da quelli in via di definizione.

L'impennata dei prezzi energetici si è riflessa anche nel peggioramento della bilancia commerciale e di quella delle partite correnti. "Dopo anni di elevati surplus, negli ultimi mesi la bilancia delle partite correnti è invece passata in deficit sebbene la performance delle esportazioni sia rimasta molto buona, così come quella della bilancia non energetica", viene sottolineato. Nel 2021 l'Italia ha per la prima volta superato la Francia come valore delle esportazioni di merci (oltre 500 miliardi), diventando il terzo Paese esportatore dell'UE dopo Germania e Olanda.
© RIPRODUZIONE RISERVATA