Tasse sul lavoro, maxi-detrazione per i redditi sino a 37.000 euro: il piano del Tesoro

Mercoledì 15 Gennaio 2020 di Michele di Branco

Il vertice è fissato a Palazzo Chigi per dopodomani a metà mattina. Governo e sindacati intorno a un tavolo per iniziare a delineare la riforma fiscale da realizzare attraverso una legge delega da mettere nero su bianco ad aprile. Parola d'ordine: tagliare le tasse al ceto medio. Certo. Ma in che modo? In queste ore emergono le differenze, non proprio sottili, che dividono Pd e 5 Stelle sull'intervento. In estrema sintesi, i dem puntano a ridurre il cuneo fiscale, i pentastellati vorrebbero agire in maniera più radicale riducendo le aliquote Irpef. Vediamo la situazione. Il Tesoro, su indicazione del ministro Giovanni Gualtieri, lavora su uno schema di riduzione del cuneo (la differenza tra salari lordo e netto) che prevede un aumento di 500 euro in busta paga per 4,5 milioni di lavoratori dipendenti a partire dalla seconda metà dell'anno. Che diventeranno mille nel 2021, quando il meccanismo entrerà a regime. Per finanziare questa operazione, in legge di Bilancio sono stati messi sul piatto 3 miliardi nel 2020, che saliranno a 5 dal prossimo. La maggior parte delle risorse andranno ai lavoratori con redditi compresi tra 26.600 euro e 37 mila euro, tagliati fuori bonus Renzi, introdotto nel 2014. Questa platea di contribuenti incasserà in media 80 euro in più al mese. Vale a dire, appunto, circa 500 euro in più nel 2020 e mille euro in più nel 2021. L'ipotesi prevalente è che questi soldi vengano corrisposti mese per mese da luglio a dicembre. Ma non è escluso che, almeno nel 2020, questo taglio sia erogato in una sola soluzione.

Fisco, il piano Gualtieri: meno tasse a 14 milioni di lavoratori. Esteso bonus 80 euro

LA TRASFORMAZIONE
Il secondo braccio dell'intervento riguarderà invece circa 9,4 milioni di lavoratori, con redditi compresi tra gli 8.200 euro ei 26.600 euro, che attualmente incassano gli 80 euro introdotti dal governo Renzi. Per loro è prevista la trasformazione del bonus in detrazione fiscale. Quali benefici incasserà questa fascia? Si parla di un aumento complessivo, nel 2020, non superiore a 50-60 euro. Vale a dire circa 10 euro aggiuntivi al mese. Che diventerebbero 20 euro a partire dal 2021. Come a dire che, a regime, un lavoratore dipendente con un reddito di 24 mila euro che, con il bonus Renzi incassa 960 euro, potrebbe raggiungere la quota 1.200 all'anno. I tecnici che lavorano sul dossier, tra l'altro, spiegano che la trasformazione del bonus Renzi in detrazione riguarderà solo i redditi più alti. Infatti tra gli 8.200 euro (al di sotto c'è l'area non fiscale) e i 15 mila euro la riforma sarebbe penalizzante per gli interessati in quanto aggiungendo le detrazioni da lavoro dipendenti per carichi familiari l'imposizione si annulla trasformando questi soggetti in incapienti impossibilitati a godere di nessuna detrazione. Un paradosso che verrà evitato. E, a proposito di incapienti, per quei 4 milioni di contributi sotto gli 8 mila euro l'anno, il taglio del cuneo fiscale non prevede alcun coinvolgimento. Il piano di lavoro prefigurato dai dem, però, non convince i 5 Stelle. Nella riforma immaginata dal Movimento gli scaglioni dell'Irpef devono essere ridotti da cinque a tre, più una no tax area che sale fino a 10 mila euro (oggi è 8 mila). L'aliquota più alta scenderebbe da 43% a 42%, quella al 41% arriverebbe al 37% e quella fino al 27% verrebbe ridotta al 23%. Costo calcolato: 4-5 miliardi; fino a mille euro l'anno i risparmi per la classe media. In questo schema verrebbero ridisegnate le fase del prelievo: 23% per redditi da 10 mila a 28 mila; 37% da 28 mila a 100 mila euro; 42% oltre i 100 mila.

Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 08:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma