Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Startup We wear raccoglie 1,5 milioni: club deal coordinato da Hoop Capital

Startup We wear raccoglie 1,5 milioni: club deal coordinato da Hoop Capital
2 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Dicembre 2021, 11:15
(Teleborsa) - We Wear, startup tecnologica che ha creato la prima soluzione per creare una copia digitale esatta cui far indossare e provare capi di abbigliamento, ha chiuso il primo round d'investimento da 1,5 milioni di euro, sottoscritto da un gruppo di investitori italiani e internazionali coordinati da Hoop Capital.

"Con We Wear abbiamo raccolto l'interesse di investitori corporate e privati, sia in Italia sia a livello internazionale, grazie alla portata innovativa della soluzione sviluppata dalla startup", ha spiegato Antongiulio Marti, founding partner di Hoop Capital.

Al club deal hanno partecipato partner tecnologici e business angel, con Gestioni SpA, holding di Giovanni Fassi, nel ruolo di lead investor ed Image S Holding di Marco Diani e Paolo Longoni, già partner tecnologico di We Wea, nel ruolo di corporate investor del round. Fra gli investitori internazionali Erik Coover e fra i business angel italiani si segnalano Alberto Bartalozzi, manager con lunga esperienza nel campo del fashion tra cui Dolce&Gabbana, Pomellato e Valentino, Giovanni Favero, amministratore unico del broker assicurativo Accapierre, Giuseppe Bongiorni, CFO di C.G.I. Holding, e Luca Cristian Macchi.

Il club deal accelererà il percorso di crescita di We Wear che punta ad entrare e ad espandersi nei settori del fashion, dal "su misura" al pronto moda, dell'abbigliamento tecnico-sportivo e dei servizi alle aziende del workwear, in Italia e a livello internazionale, ma aspira anche a portare la sua soluzione in tutti quei settori in cui la disponibilità delle esatte misure del corpo è abilitante per la creazione di nuovi servizi e di un'offerta innovativa, dal gaming al fitness e al miglioramento della forma fisica.




© RIPRODUZIONE RISERVATA