Piazza Affari, lo spread chiude in lieve calo a 296: rendimento decennale 3,41%

Mercoledì 10 Ottobre 2018
Volatilità alle stelle per Piazza Affari e per le Borse europee, che alla fine hanno chiuso in forte calo, risentendo della seduta nera a Wall Street. Il Ftse Mib ha perso l'1,71%, anche se lo spread ha chiuso sotto i 300 punti, esattamente a 296, nonostante nella notte il Fondo Monetario Internazionale abbia di nuovo sollecitato riforme strutturali per l'Italia per combattere la crescita modesta del Paese. L'Italia, inoltre, rimane ancora sorvegliata speciale, nel giorno in cui il ministro all'Economia, Giovanni Tria, ha di nuovo spiegato in Parlamento la manovra economica, sottolineando che il giudizio negativo dell'Ufficio parlamentare di bilancio si basa su previsioni 'parziali o obsoletè. A Piazza Affari hanno chiuso contrastate le azioni delle banche, con gli investitori che rimangono prudenti sul settore creditizio, nell'attesa che sia varata la Legge di Bilancio. Sono invece state vendute a piene mani le azioni del lusso, risentendo di un report negativo di Morgan Stanley. Moncler ha accusato uno scivolone del 10,8%. Le vendite sul settore hanno colpito tra l'altro anche Ferrari (-8,1%), equiparata dagli analisti a una luxury company. Sono inoltre andate male le St (-5,7%) in scia ai titoli tecnologici, mentre Telecom ha recuperato terreno (+1,3%), tornando sopra la soglia di 0,5 euro. Sul fronte dei cambi, l'euro è stabile sopra la soglia di 1,15 dollari: la moneta unica è scambiata a 1,1528 dollari. Vale inoltre 129,89 yen, mentre il dollaro-yen si attesta a 112,64. Oggi è debole anche il petrolio: il Wti, contratto con consegna a dicembre, passa di mano a 73,4 dollari al barile, in calo dell'1,9%. Ultimo aggiornamento: 11 Ottobre, 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA