Spazio, Colao: intesa con la Francia sui lanciatori mette le basi per i prossimi 10 anni

Spazio, Colao: intesa con la Francia sui lanciatori mette le basi per i prossimi 10 anni
2 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Novembre 2021, 16:30

(Teleborsa) - L'Italia è molto soddisfatta dell'accordo con la Francia sulla cooperazione nel settore dello spazio, firmato oggi a Roma nel contesto del Trattato del Quirinale. Lo ha affermato il ministro per l'innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao, parlando con alcuni giornalisti a Bruxelles a margine del Consiglio Ue della Competitività. "Siamo molto soddisfatti per l'accordo con la Francia sullo spazio, in particolare sui lanciatori. Italia e Francia condividono una visione strategica del settore per l'Europa", ha detto Colao sottolineando che in quest'area "l'Italia torna protagonista grazie ai fondi nazionali e al Recovery Plan".

Con la Francia, ha aggiunto il ministro, "abbiamo deciso di collaborare su alcuni aspetti importanti come i motori per i lanciatori, ma anche alcune ottimizzazioni industriali fra i due paesi". Inoltre, si punta ad "avere un ruolo importante nel sistema dei lanciatori e nel sistema di osservazione della Terra, dove i due paesi possono essere dei giocatori importanti nella squadra europea". "L'accordo è importante - ha rilevato ancora Colao - perché Italia e Francia sono pilastri della strategia europea dello spazio: abbiamo competenze diverse ma entrambi condividiamo il bisogno di essere più efficienti e di coinvolgere altre imprese, imprese private e commerciali, start up di tutto il mondo dei data analytics. Ma per fare questo ci vogliono ovviamente degli asset importanti. Perciò l'accordo sui lanciatori è una parte importante, perché mette le basi per i prossimi 10 anni di lavoro assieme".

Sulla dossier Tim il ministro non si è invece sbilanciato. "Le vicende di mercato le lasciamo al mercato, ma abbiamo a cuore la sicurezza delle reti e dei dati", ha affermato. "Adesso si aspetta e si seguono i fatti", ha aggiunto Colao.

© RIPRODUZIONE RISERVATA