SPREAD

Borse Europee, chiusure contrastanti
spread a 154 punti

Lunedì 9 Settembre 2019
L'attesa per i nuovi stimoli della Bce non riesce a dare slancio alle Borse europee che chiudono contrastate la prima seduta della settimana, con Milano e Francoforte poco sopra la parità e le altre big in rosso. Il Ftse Mib strappa lo stesso un mini-guadagno (+0,19%) grazie alle banche nel giorno della prima fiducia del nuovo governo Conte bis alla Camera (il voto è previsto in serata) con lo spread «vigile» in area 154 punti. Gli investitori continuano a interrogarsi sulle mosse del consiglio direttivo della Banca centrale che si terrà giovedì.

Le aspettative sono di una nuova immissione di liquidità per rilanciare la crescita dell'Eurozona e dell'inflazione (cercando, al contempo, di proteggere le banche dai tassi troppo bassi). Ma a pesare sui mercati sono le inquietudini della Brexit, che trascinano giù la Borsa di Londra (-0,64%), mentre da Wall Street rimbalza la notizia che il fondo Elliott ha investito 3,2 miliardi nel colosso At&t, con le ricadute sul settore europeo delle tlc ancora tutte da valutare. A Piazza Affari il tonfo più rumoroso è quello registrato da Recordati (-4,3%) su cui pesa la scure di Goldman Sachs che ha tagliato il giudizio da "buy" a "hold" alla luce della corsa del titolo negli ultimi due mesi. Realizzati su Atlantia (-2%) alla luce delle parole del premier Conte che ha ribadito come la revisione, e non più la revoca, delle concessioni autostradali verrà realizzata 'senza nessuno sconto per gli interessi privatì. La seduta è stata tonica per le banche, in testa Ubi (+3,2%) e Bper(+3,4%), che beneficiano del ritrovato clima distensivo sul fronte politico.

Sul podio del listino principale Pirelli (+4,2%) grazie alle schiarite sul fronte dazi che spingono il settore auto in tutta l'Europa e la Juventus (+2%) penalizzata dagli investitori nelle ultime sedute. Non si scalda la Ferrari (-1,4%) nonostante il lancio di due nuovi modelli e la vittoria del Gp di Monza. Sul fronte dei cambi, resta stabile l'euro che viene scambiato in leggero rialzo a 1,105 contro il dollaro (1,104 venerdì in chiusura) e vale 118,45 yen (117,98). Si rafforza la sterlina che scambia a 1,235 contro la divisa americana.  Ultimo aggiornamento: 19:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma