Salute, la burocrazia inutile costa quasi 5 miliardi di euro al sistema sanitario nazionale

Venerdì 23 Novembre 2018
(Teleborsa) - La burocrazia inutile costa quasi 5 miliardi di euro al sistema sanitario nazionale. E' quanto emerge da un'elaborazione dell'Unione europea delle cooperative Uecoop su dati Fondazione Gimbe 2018 in occasione dello sciopero dei medici in Italia.

Fattori come complessità amministrative e inadeguato coordinamento dell'assistenza pesano per oltre un quinto sugli sprechi del sistema italiano, più degli acquisti a costi eccessivi (10%) e sono praticamente allo stesso livello di frodi e abusi, stimati al 22% del totale degli sprechi che superano i 21 miliardi di euro.

Nonostante una spesa di oltre 113 miliardi di euro l'Italia è uno dei Paesi occidentali che, secondo l'ultimo rapporto Health at Glance Europe dell'OCSE, investe meno sul sistema sanitario in relazione al PIL: 8,9% contro il 9,6% della media dell'Unione Eurpea e contro l'11,5% della Francia e l'11,3% della Germania.

Uno "spread della salute" che pesa sull'efficienza, la capillarità e la modernizzazione della rete sanitaria nazionale mentre cresce la domanda di assistenza sanitaria e sociale in Italia con un balzo del 16% delle cooperative del settore negli ultimi 5 anni.

Restano però scoperte molte aree di crisi a cominciare dai tempi di attesa che per una visita medica specializzata nel pubblico superano i due mesi con 88 giorni per un accertamento oculistico e più di 96 giorni per una colonscopia, secondo l'ultimo rapporto del Crea Sanità. Una situazione che interessa le famiglie italiane che nell'ultimo anno hanno aumentato dell'8% le spese per i servizi sanitari e la salute che ora toccano i 123 euro al mese, secondo ISTAT.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La volpe sfrattata dai topi

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma