Salario minimo, R.E TE. Imprese: no a interventi del legislatore

Venerdì 21 Febbraio 2020
(Teleborsa) - "Il salario minimo è quello definito dai contratti collettivi nazionali sottoscritti dalle organizzazioni datoriali e sindacali comparativamente più rappresentative. Un intervento del legislatore sarebbe fortemente destabilizzante per il nostro Paese ed andrebbe ad incidere negativamente sui delicati equilibri raggiunti da ogni settore produttivo con la contrattazione collettiva, distruggendo il patrimonio di bilateralità e welfare contrattuale".

Lo dice in una nota ufficiale R.E TE. Imprese Italia, l'associazione che riunisce Casartigiani, CNA, Confartigianato, Confcommercio e Confesercenti, che ha incontrato questa mattina il Senatore del Partito Democratico Tommaso Nannicini, ribadendo la netta contrarietà a qualsiasi regolamentazione per legge del salario minimo.

"La contrattazione collettiva - prosegue la nota - garantisce già condizioni e strumenti per sostenere i redditi e individuare modalità per migliorare la produttività. La fissazione ex lege del salario non solo non è necessaria, ma sminuirebbe il ruolo svolto dalla negoziazione tra le parti sociali per l'individuazione di trattamenti economici congrui e coerenti, rischiando di colpire anche le tutele collettive e i sistemi di welfare integrativi. Un patrimonio che in questa fase difficile sta offrendo un utile supporto ai lavoratori ed alle imprese, soprattutto in quei territori dove il welfare pubblico è carente se non assente del tutto", conclude la nota. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua