Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

S&P, calo domanda e aumento costi pesano su costruttori immobiliari

S&P, calo domanda e aumento costi pesano su costruttori immobiliari
2 Minuti di Lettura
Venerdì 12 Agosto 2022, 19:30
(Teleborsa) - I costruttori immobiliari europei dovranno affrontare un periodo difficile, poiché una serie di fattori esterni minacciano di colpire i loro margini nei prossimi 12-18 mesi. L'aumento dei tassi di interesse e l'inflazione potrebbero deprimere i volumi di vendita, dato che il mercato dipende fortemente dai mutui ipotecari e, in misura minore, dai risparmi delle famiglie. Inoltre, il conflitto Russia-Ucraina e i problemi della catena di approvvigionamento mondiale stanno aumentando i costi e le carenze di materiali, elementi che ritarderanno i progetti. È quanto emerge da un nuovo report di S&P Global Ratings, che analizza l'impatto del contesto macro attuale e di un rialzo dei tassi d'interesse sui costruttori immobiliari europei.

L'aumento dei costi di costruzione, la carenza di manodopera, la scarsità di terreni e le criticità sulla catena di approvvigionamento continuano a ostacolare la consegna delle unità abitative. Inoltre, i crescenti requisiti ambientali e di sicurezza alimentano la domanda di nuove costruzioni, ma rappresentano anche costi e sfide tecniche aggiuntive per i costruttori.

Tutto ciò rende probabile che i costruttori e gli sviluppatori immobiliari europei vedano una pressione crescente su ricavi e margini, poiché potrebbero faticare a trasferire l'aumento dei costi ai clienti.

Le aziende del settore sono particolarmente esposte ai prezzi di acciaio, gesso e cemento, che sono aumentati in modo significativo dall'inizio della crisi Russia-Ucraina. L'energia rappresenta una quota inferiore dei costi (5%-10%), ma la sua attuale espansione dei prezzi sta esacerbando la pressione inflazionistica.

Meno persone potranno permettersi nuove case poiché i prezzi continuano ad aumentare più velocemente dei salari e i tassi di interesse stanno aumentando. "I costruttori di case lotteranno per tagliare i prezzi perché i volumi di vendita sono già sotto pressione - afferma S&P - Pertanto, prevediamo che i margini potrebbero contrarsi, ma soprattutto nel 2023 perché la maggior parte dei costi con gli appaltatori è già assicurata per il 2022 e l'impatto dovrebbe essere ritardato verso il prossimo anno".
© RIPRODUZIONE RISERVATA