Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Russia, governatrice Banca centrale: abbastanza risorse per evitare default

Russia, governatrice Banca centrale: abbastanza risorse per evitare default
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Aprile 2022, 12:30

(Teleborsa) - La Russia "non corre alcun rischio di default" perché "ha tutte le risorse finanziarie" per far fronte ai suo impegni, secondo la governatrice della Banca centrale Elvira Nabiullina. L'economista ha anche affermato che la Russia sta cercando di introdurre controlli sulle valute straniere per evitare che il tasso del rublo si discosti dai livelli ufficiali, ha riportato l'agenzia TASS. In un discorso al parlamento russo, Nabiullina ha anche affrontato il tema della de-dollarizzazione delle riserve del paese.

"Dal 2014 il nostro paese è soggetto alla pressione delle sanzioni, quindi abbiamo costantemente diversificato le riserve nel corso degli anni, aumentando la quota di oro e yuan - ha osservato - Pertanto, dalla fine del 2013 alla fine del 2021, la quota del dollaro nelle riserve è diminuita di quasi 4 volte, la quota dell'oro è aumentata di 2,5 volte, dall'8,3 al 21,5%. E la quota dello yuan - da zero al 17%".

La governatrice della Bank of Russia ha riconosciuto che le sanzioni al mercato finanziario russo e alla banca centrale "hanno limitato la nostra capacità di condurre interventi in valuta estera". "Ma affinché il nostro mercato dei cambi non rimanga indifeso, abbiamo introdotto controlli sui capitali - ha spiegato - Tali misure sono indubbiamente efficaci. Ma, capiamo, non solo proteggono il perimetro del nostro mercato dalle sanzioni, ma complicano anche l'attività economica estera. E ora le nostre aziende dovranno cercare nuovi fornitori di beni importati, componenti, materie prime ed esportatori".

"A causa delle sanzioni, i consumatori e i produttori russi stanno perdendo l'accesso ai mercati per l'importazione e l'esportazione di prodotti finiti e componenti - ha detto in un altro passaggio - Possono sorgere problemi anche quando la produzione è altamente localizzata, quando si è verificata una sostituzione delle importazioni sufficientemente elevata".

© RIPRODUZIONE RISERVATA