Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Rinnovabili: Italia, Malta e Slovenia rischiano deferimento corte UE

Rinnovabili: Italia, Malta e Slovenia rischiano deferimento corte UE
2 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Luglio 2022, 15:15
(Teleborsa) - La Commissione europea ha richiamato Italia, Malta e Slovenia sull'incompiuto recepimento delle norme comunitarie sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili.


Secondo quanto riporta un comunicato, in particolare sarebbero carenti sulla direttiva che stabilisce il quadro giuridico per lo sviluppo delle energie rinnovabili nell'Unione nei settori dell'energia elettrica, del riscaldamento e raffrescamento e dei trasporti. La direttiva in questione, si legge, fissa per l'Ue un obiettivo vincolante per il 2030 pari almeno al 32% di energie rinnovabili e comprende misure volte a garantire che il sostegno alle energie rinnovabili sia efficace sotto il profilo dei costi e a semplificare le procedure amministrative per i progetti relativi alle energie rinnovabili.

Facilita inoltre la partecipazione dei cittadini alla transizione energetica e fissa obiettivi specifici per aumentare entro il 2030 la quota di energie rinnovabili nei settori del riscaldamento e raffrescamento e dei trasporti. Il termine per il recepimento della direttiva nell'ordinamento nazionale era fissato al 30 giugno 2021. Nell'ultimo pacchetto sulle infrazione, Bruxelles ricorda che a luglio 2021 aveva inviato lettere di costituzione in mora a tutti e 3 gli Stati membri.

"A oggi l'Italia, Malta e la Slovenia hanno recepito solo parzialmente la direttiva. Gli Stati membri dispongono ora di 2 mesi - avverte la Commissione - per conformarsi all'obbligo di recepimento e darne notifica alla Commissione, trascorsi i quali la Commissione potrà decidere di deferire i casi alla Corte di giustizia dell'Ue".
© RIPRODUZIONE RISERVATA