Retribuzioni, i giovani laureati italiani
guadagnano la metà dei colleghi elvetici

Lunedì 11 Febbraio 2019
1
 Già trovare un lavoro non è facile. Ma poi biosgna anche accontentarsi per quanto riguarda gli stipendi. I giovani laureati italiani infatti risultano ultimi in Europa a livello di retribuzione appena assunti: tolte le tasse e "rettificando" la paga con il costo della vita, i giovani laureati italiani portano a casa il corrispondente di appena 26.000 dollari. Meno della metà dei primi in classifica, ovvero gli svizzeri con 58.530 dollari. È la conclusione cui giunge uno studio pubblicato dalla società di consulenza Willis Towers Watson, che ha passato in rassegna le retribuzioni di una sessantina di paesi. Stando al «Global Remuneration Planning Report» un giovane laureato in Svizzera guadagna in media 88.498 dollari all'anno, in termini di stipendio di base lordo, contro i 63.007 dollari del Lussemburgo e i 61.355 di un danese. In Germania (quinta) la retribuzione è di 60.336 dollari e in Gran Bretagna (tredicesima) di 37.122 . Ultima, in Europa, la Spagna con 33.881 dollari. Tenendo conto della pressione fiscale e del costo della vita, la classifica cambia solo leggermente: i giovani laureati svizzeri, con uno stipendio «rettificato» di 58.530 dollari, si piazzano secondi dietro al Lussemburgo (58.865) e precedono la Germania (47.000). Ultimi in graduatoria gli italiani (26.032).
Lo studio mostra anche come un quadro dirigente medio riceve in Svizzera un salario medio annuo di 163.443 dollari, rispetto ai 126.012 dollari del Lussemburgo e ai 122.711 della Danimarca, mentre la Germania (120.755) è al quarto posto e la Gran Bretagna (98.192) al decimo. La Svezia è fanalino di coda tra i 15 paesi europei inclusi nel raffronto (86.116). Quanto ai salari «rettificati» dei quadri dirigenti, la Confederazione si conferma leader in Europa con 97.609 dollari, davanti a Lussemburgo (96.005) e Germania (82.277 dollari).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma