Recovery plan, Sinatra (Univendita): «Pensa poco ai giovani imprenditori»

Recovery plan, Sinatra (Univendita): «Pensa poco ai giovani imprenditori»
2 Minuti di Lettura
Martedì 1 Giugno 2021, 20:35

“Il Pnrr prevede 6 miliardi per le politiche attive del lavoro e il sostegno all’occupazione ma nulla è sostanzialmente destinato all’autoimpiego e all’imprenditoria giovanile. Bisogna intraprendere un percorso che favorisca i giovani imprenditori e quelli che ambiscono a diventare tali, perché promuovere l’autoimprenditorialità giovanile in termini di politiche, progetti e risorse significa, in ultima istanza, contribuire allo sviluppo dell’occupazione di cui il nostro Paese è carente”. Lo afferma il presidente di Univendita,  la maggiore associazione del settore della vendita a domicilio, Ciro Sinatra.

L’Italia, afferma Univendita, pur con alti tassi di disoccupazione giovanile, intende destinare poco più del 7% delle risorse del Pnrr alle politiche giovanili, accomunandosi così alla Grecia e distanziandosi da Spagna e Germania, le quali invece prevedono di allocare rispettivamente l’11,7% e il 9,5%.

“L’attività di incaricato alla vendita a domicilio è certamente una opportunità occupazionale inclusiva e senza barriere all’entrata, elementi che la rendono una scelta particolarmente valida in un momento così complicato per il mercato del lavoro - continua Sinatra -. Va detto però che, nell’interesse del Paese, il Pnrr deve prevedere più risorse per le giovani generazioni: occorre mettere in campo misure specifiche che favoriscano l’autoimpiego e l’imprenditorialità giovanile, anche in considerazione dell’impatto economicamente asimmetrico che ha avuto la pandemia sui lavoratori più giovani", conclude Sinatra.

Dai dati di Univendita emerge che nel 2020 hanno scelto la vendita a domicilio oltre 165.000 persone, un dato in aumento del 3,5% rispetto al 2019, e quasi un terzo dei venditori (il 31,8%) è composto da giovani lavoratori autonomi di età compresa tra i 18 e i 34 anni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA