Recovery Fund in "stand by", Polonia e Ungheria fanno ancora muro

Venerdì 27 Novembre 2020

(Teleborsa) - Sembra proprio che Polonia e Ungheria non abbiano alcuna intenzione di fare retromarcia sul veto alla clausola che riguarda lo stato di diritto che, di fatto, ha congelato anche i fondi in arrivo dall'Europa, con l'Italia - più che interessata - alla finestra.

E' sempre più concreto, insomma, il rischio che il tesoretto "monstre", pari complessivamente a circa 1.800 miliardi, debba restare in panchina ancora per un po', specie se nel Consiglio europeo, in programma il prossimo 18 dicembre i capi di Stato e di Governo non dovessero trovare la quadra per uscire dalle sabbie mobili in cui è finito per colpa del veto imposto dai due Paesi che non accettano che l'erogazione dei fondi sia subordinata a quello che è un principio fondante dell'Europa.

In concreto, Il meccanismo prevede che se uno degli Stati membri dovesse violare i principi base condivisi, si possa decretare la sospensione degli aiuti con voto a maggioranza, mentre Polonia e Ungheria chiedono l'unanimità.

Nelle scorse ore, infatti, i due premier hanno dichiarato congiuntamente che non hanno alcuna intenzione di fare retromarcia. Mateusz Morawiecki e Viktor Orban hanno proposto di "facilitare la veloce adozione del pacchetto finanziario" che comprende Bilancio europeo e Recovery fund, "stabilendo un processo a due binari".

Ovvero: da un lato "limitando il campo di applicazione di qualsiasi condizionalità aggiuntiva di bilancio alla protezione degli interessi finanziari dell'Ue, secondo le conclusioni di luglio", e dall'altro hanno chiesto di parlare, al Consiglio europeo, della possibilità "di stabilire un collegamento tra stato di diritto e interessi finanziari dell'Ue".

© RIPRODUZIONE RISERVATA