Rc auto, quando conviene rimborsare direttamente il danno per non perdere la classe di merito

Gli incidenti, i danni e le trattative: cosa conviene fare

Rc auto, quando conviene rimborsare direttamente il danno per non perdere la classe di merito
3 Minuti di Lettura
Lunedì 3 Ottobre 2022, 10:11 - Ultimo aggiornamento: 10:15

Rc auto, cala leggermente il costo nel secondo trimestre 2022. Il prezzo medio effettivo dei contratti di assicurazione per l'auto è stato pari a 353 euro, in riduzione del 2,1% su base annua. È quanto emerge dall'indagine Ivass sui prezzi effettivi per la garanzia automobilistica, in cui si sottolinea che, rispetto al 2014, il prezzo si è ridotto di 135 euro (-27,7%). Il 50% degli assicurati paga meno di 316 euro, mentre solo il 10% meno di 186 euro, rileva l'Istituto di vigilanza. Continua intanto il processo di convergenza dei premi a livello territoriale: il differenziale tra le province di Napoli e Aosta è di 250 euro, in riduzione dell'11,4% su base annua. Rispetto al 2014, il differenziale si è ridotto del 47,9%. 

Il bonuns-malus

Il costo dell'Rc auto viene stabilito annualmente con il sistema cosiddetto bonus-malus. Il meccanismo prevede che all'assicurato venga assegnata quella che viene chiamata classe di merito in base a una serie di requisiti, primo fra tutti il numero degli incidenti registrati durante il periodo di validità della polizza. Le classi partono dalla numero 18, la più alta e costosa, per arrivare alla numero 1, la classe più “meritevole” ed economica.

Allarme per le direttive europee sulla Rc Auto: non si potrà più sospendere l’assicurazione se l’auto è inutilizzata

Rider, quali sono e come cambieranno i contratti con la direttiva Ue. Per i sindacati è solo l'inizio, ma qualcuno protesta: «guadagneremo di meno»

L’assicurato viene premiato con un bonus, una classe di merito inferiore a quella d’origine, qualora non sia stato riconosciuto responsabile di un sinistro nel corso dell’anno precedente, mentre viene penalizzato con un malus, facendolo salire di due classi, nel caso in cui abbia causato un incidente, obbligandolo a pagare un premio più alto al rinnovo annuale della polizza. 

Quando conviene risarcire direttamente

C'è da chiedersi quindi se in caso di incidente convenga saldare direttamente il danno provocato o farlo risarcire dall'assicurazione, che però poi aumenterà la classe di merito e farà quindi salire il costo della polizza al momento del rinnovo. Segugio.it, un sito specilizzato nella comparazione dei prezzi delle assicurazioni, ha calcolato che per un assicurato in prima classe in caso di incidente il premio, scalando in classe terza, arriva anche a raddoppiare. 

In caso di incidente con colpa di lieve entità, in cui il danno da rimborsare sia modesto, per l'assicurato può essere quindi conveniente rimborsare direttamente il costo della riparazione. In questo modo si eviterà il rincaro della polizza dovuto al diminuire della classe di merito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA