Powell: la Fed sarà "paziente" su futuri aggiustamenti tassi

Giovedì 31 Gennaio 2019
(Teleborsa) - Si sono indeboliti i presupposti per alzare il costo del denaro, sostiene la Fed, ecco perché ha deciso di mostrarsi "paziente" sui futuri aggiustamenti dei tassi. Jerome Powell, numero uno della banca centrale americana assicura che "l'economia americana sta bene, continuerà a crescere a un tasso solido nel 2019, ma meno del 2018", anche alla luce del rallentamento di Cina ed Europa.

Sotto la lente della Federal Reserve la Brexit, con Powell convinto che l'economia a stelle e strisce risentirà delle turbolenze di un'hard Brexit a causa delle tensioni finanziarie.

Guardando in casa propria il presidente della Fed ha dichiarato che un altro shutdown potrebbe lasciare ferite permanenti sull'economia. Per quanto riguarda la paralisi del governo che si è da poco chiusa, Powell sostiene che impatterà sul PIL del primo trimestre ma poi ci sarà un recupero.

Come da attese, ieri 30 gennaio 2019, la Federal Reserve ha lasciato invariato il costo del denaro, negli Stati Uniti, visto il peggioramento dello scenario economico a livello globale. L'ultimo ritocco all'insù risale al 19 dicembre scorso quando la banca centrale americana portò i tassi di interesse tra il 2,25% e il 2,5%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma