Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Borsa, Piazza Affari di nuovo in rosso: Milano cede il 3% dopo il tonfo di Wall Street. Spread a 236 punti

La borsa di Milano ha seguito la scia delle altre europee: in calo anche Parigi, Francoforte, Madrid e Amsterdam

Piazza Affari di nuovo in rosso: Milano cede il 3%. Lo spread sale a 236 punti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 13 Giugno 2022, 17:39 - Ultimo aggiornamento: 22:20

Nuova ondata di vendite sulle Borse europee sulla scia del tonfo pesante di Wall Street. Milano ha toccato un calo del 3% con l'indice Ftse Mib, seguita da Amsterdam (-2,9%), Parigi (-2,6%), Francoforte e Madrid, che cedono due punti percentuali e mezzo. Londra scende dell'1,7%. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi a 10 anni ha raggiunto i 236 punti base, con un rendimento del prodotto del Tesoro al 3,96%. 

Wall Street crolla 

Male anche Wall Street, dove si prospetta una delle peggiori settimane degli ultimi anni dopo le decisioni sui tassi della Banca centrale europea e in attesa di quelle della Federal Reserve, con le preoccupazioni che restano sull'inflazione e su una possibile recessione.

Il Dow Jones perde il 2,65% a 30.564,19 punti, il Nasdaq cede il 4,29% a 10.851,71 punti mentre lo S&P 500 lascia sul terreno il 3,64% a 3.759,18 punti. In calo anche il petrolio, che perde il 2,5% a 117,68 dollari al barile. 

L'incognita dell'inflazione e dei tassi di interesse 

Con l'inflazione (dato Cpi) sopra le stime e ai massimi dal 1981, il mercato ha risposto puntando su un aumento dei tassi d'interesse per contrastarla. Secondo i future sui Fed Funds (che indicano le possibilità che il mercato attribuisce a una mossa di politica monetaria), ci sarà un rialzo di 50 punti base dopo ciascuna delle prossime tre riunioni a giugno, luglio e settembre del Fomc, il braccio di politica monetaria della Federal Reserve, ma non è da escludere nemmeno un aumento di 75 punti base a luglio.

Per alcuni analisti (Barclays e Jeffries) addirittura la Fed potrebbe sorprendere i mercati con un aumento, già questa settimana, di 75 punti base. In Europa, la Bce ha annunciato che aumenterà i tassi di 25 punti base nella prossima riunione di luglio, con la previsione di un successivo aumento già a settembre, che dipenderà dall'outlook sull'inflazione.

Nel pomeriggio Milano sotto i 22mila punti 

Nel pomeriggio Milano ha portato il suo passivo a -2,7% violando al ribasso la soglia simbolica dei 22mila punti (come non accadeva dallo scorso 8 marzo). Allargano le perdite anche Parigi (-2,4%), Francoforte (-2,2%), Madrid (-2,1%) e Londra (-1,5%). A Milano è in 'rossò quasi tutto il listino principale, con il tonfo in doppia cifra di Saipem (-11,2%). 

© RIPRODUZIONE RISERVATA