PA, la proposta ai sindacati: smart working anche senza strumenti forniti dall'amministrazione

PA, la proposta ai sindacati: smart working anche senza strumenti forniti dall'amministrazione
2 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Novembre 2021, 16:00

(Teleborsa) - Il lavoro agile non emergenziale nella Pubblica Amministrazione potrà essere fatto anche senza strumentazione fornita dalla pubblica amministrazione purché ci siano le condizioni di piena operatività della dotazione e le garanzie della più assoluta riservatezza sui dati. È uno dei punti inseriti all'interno della bozza presentata oggi dall'Aran – Agenzia Rappresentanza Negoziale Pubbliche Amministrazioni– ai sindacati nel nuovo round sul rinnovo del contratto delle Funzioni centrali della pubblica amministrazione (ministeri, agenzie fiscali, enti pubblici non economici) per il periodo 2019-2021. Nel testo infatti si fa riferimento al fatto che gli strumenti "di norma" vengono dati dall'amministrazione ma non si esclude che possano essere di proprietà del dipendente.

È necessario comunque l'accordo individuale quindi lo smart working non può essere una scelta unilaterale dell'amministrazione né del dipendente. "L'accordo individuale è stipulato per iscritto – si legge nella bozza – e disciplina l'esecuzione della prestazione lavorativa svolta all'esterno dei locali dell'amministrazione, anche con riguardo alle forme di esercizio del potere direttivo del datore di lavoro ed agli strumenti utilizzati dal lavoratore che di norma vengono forniti dall'amministrazione".

"Gli elementi essenziali dell'accordo – prosegue il documento – sono la durata, (può essere a termine o a tempo indeterminato); la modalità di svolgimento della prestazione lavorativa fuori dalla sede abituale di lavoro, con specifica indicazione delle giornate di lavoro da svolgere in sede e di quelle da svolgere a distanza; la modalità di recesso, che deve avvenire con un termine non inferiore a 30 giorni; le ipotesi di giustificato motivo di recesso; le fasce orarie di operatività, contattabilità e inoperabilità; i tempi di riposo del lavoratore e le misure tecniche e organizzative necessarie per assicurare la disconnessione del lavoratore; le modalità di esercizio del
potere direttivo e di controllo del datore di lavoro; l'impegno del lavoratore a rispettare le prescrizioni indicate nell'informativa sulla salute e sicurezza sul lavoro agile ricevuta dall'amministrazione".

I dispositivi tecnologici sono sempre forniti invece nel lavoro da remoto che "può essere prestato anche, con vincolo di tempo e nel rispetto dei conseguenti obblighi di presenza derivanti dalle disposizioni in materia di orario di lavoro, attraverso una modificazione del luogo di adempimento della prestazione lavorativa".

© RIPRODUZIONE RISERVATA