New York in ginocchio: già persi mezzo milione di posti di lavoro

Martedì 7 Aprile 2020
(Teleborsa) - Una crisi nella crisi che rischia di mettere in ginocchio New York dove già ora mezzo milione di persone ha perso il lavoro o sta per perderlo a causa della pandemia Covid-19.

È l'allarme lanciato dal sindaco Bill de Blasio nella consueta conferenza stampa. "Le proiezioni iniziali parlano di un impatto durissimo sull'occupazione e di un enorme disagio economico. L'unico paragone che può essere fatto è con la Grande Depressione", ha dichiarato il primo cittadino della Grande Mela.

Intanto, lo Stato di New York registra anche il record di morti da coronavirus in un giorno: 731 decessi, come ha reso noto il governatore Andrew Cuomo. Il bilancio delle vittime è così salito a 5.498 dalle 4.758 delle 24 ore precedenti. I casi di contagio sono saliti a 138.836.

Della pandemia ha parlato anche il presidente Donald Trump che ha attaccato l'Organizzazione Mondiale della Sanità, rea, a suo dire, di aver sbagliato.

"Finanziata in larga parte dagli Stati Uniti è per qualche motivo Sino-centrica. Fortunatamente ho respinto il loro consiglio di tenere aperti i confini alla Cina all'inizio. Perché dare una raccomandazione così sbagliata?", si legge in un suo tweet in cui assicura che guarderà "attentamente all'Oms e ai finanziamenti americani".

I primi dati dell'impatto dell'emergenza coronavirus sull'economia statunitense confermano una situazione negativa. Secondo un sondaggio del Financial Times e Peter G Peterson Foundation già ora si registra un calo del reddito per tre quarti degli americani.

Il 73% degli americani ha infatti affermato che l'epidemia ha ridotto il suo reddito, con un 24% che spiega che la riduzione è stata "molto significativa". Il 48% si dice a rischio di perdere qualsiasi tipo di reddito nel caso in cui si ammalasse o non fosse in grado di lavorare.

Secondo il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, tutto però dovrebbe ripartire in 4-8 settimane, cioè quando "gli esperti daranno l'ok". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani