Moody's, cali pesanti per economie avanzate: Pil Italia -4,5%, Germania -5,4%

Mercoledì 25 Marzo 2020
(Teleborsa) - Un 2020 in forte ribasso per tutte le economie avanzate che stanno fronteggiando l'emergenza coronavirus, con "cali severi dell'attività economica" e la ripresa che non arriverà prima del 2021.

Sono le stime di Moody's che ha previsto una "contrazione cumulativa nel primo e secondo trimestre del 2020 del 5,4% in Germania, del 4,5% in Italia, del 4,3% negli Stati Uniti, del 3,9% nel Regno Unito e del 3,5% in Francia".

Forte ribasso anche per il Pil del G20, dato a novembre al +2,6%, e previsto ora con una contrazione dello 0,5%, per poi arrivare ad accelerare al +3,2% nel 2021. "Le economie del G20 sperimenteranno uno shock senza precedenti nella prima metà dell'anno e si contrarranno nel 2020, prima di tornare a crescere nel 2021", si legge nella nota di Moody's.

Unica a crescere nel 2020 sarà la Cina che, secondo le stime dell'agenzia di rating, segnerà un +3,3% nell'anno in corso, seguito da un +6% nel 2021.







(Foto: © Rob Lambert) © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua