Meta, ricavi sotto pressione da rallentamento e-commerce, Reels e Russia

Meta, ricavi sotto pressione da rallentamento e-commerce, Reels e Russia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 28 Aprile 2022, 13:30

(Teleborsa) - Il titolo di Meta Platforms, il gruppo fondato da Mark Zuckerberg che controlla Facebook, Instagram e WhatsApp, è balzato in borsa dopo la diffusione dei risultati del primo trimestre del 2022, con gli investitori che hanno reagito positivamente alle notizie in chiaroscuro del colosso dei social media. La reazione delle azioni - che avevano perso il 48% da inizio anno a causa della trimestrale deludente di inizio febbraio, delle vendite su tutto il comparto tech e del conflitto in Ucraina - sembra più un sospiro di sollievo per l'assenza di ulteriori contraccolpi che una condizione sulle prospettive di crescita di Meta.

L'utile per azione dei primi tre mesi dell'anno è stato di 2,72 dollari, in calo del 18% rispetto allo stesso periodo del 2021 e superiore alle attese degli analisti per 2,56 dollari, secondo dati Refinitiv. Il risultato è stato mitigato dalla crescita dei ricavi più lenta in un decennio. Le entrate totali, la maggior parte delle quali proviene dalle vendite di annunci pubblicitari, sono aumentate del 7% a 27,91 miliardi di dollari nel primo trimestre, ma hanno mancato le stime degli analisti di 28,20 miliardi di dollari.

Nella call con gli analisti, il CFO Dave Wehner ha detto che sulla crescita dei ricavi stanno impattando fattori come il rallentamento dell'e-commerce (dopo la rapida crescita durante la pandemia), nonché una perdita di entrate in Russia e una riduzione della domanda di annunci in mezzo all'incertezza economica globale. Il CEO Mark Zuckerberg ha affermato, inoltre, che il focus sui video a breve termine (i cosiddetti Reels) genera meno entrate rispetto ad altri formati di annunci. Con riferimento alla guerra in Ucraina, Zuckerberg ha affermato: "Siamo stati bloccati in Russia e abbiamo deciso di smettere di accettare annunci da inserzionisti russi a livello globale" e "abbiamo anche visto effetti sulle imprese a livello globale dopo l'inizio della guerra".

Gli utenti attivi giornalieri di Facebook (DAU), una metrica chiave per gli inserzionisti, sono stati pari a 1,96 miliardi di dollari, leggermente superiore alla stima di 1,95 miliardi e in crescita del 4% anno su anno. Gli utenti attivi mensili sono stati 2,94 miliardi di dollari, in crescita del 3% rispetto allo stesso periodo del 2021 e inferiori di 30 milioni rispetto alle aspettative di Wall Street.

Meta prevede entrate del secondo trimestre tra 28 miliardi e 30 miliardi di dollari, mentre gli analisti si aspettavano in media un fatturato di 30,63 miliardi di dollari. Se il gruppo chiuderà il trimestre in corso a metà della guidance, le entrate risulterebbero in diminuzione rispetto al secondo trimestre del 2021, quando le vendite erano state di 29,1 miliardi di dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA