Mercati, Goldman Sachs: politiche FED e inflazione più pericolose di pandemia

Mercati, Goldman Sachs: politiche FED e inflazione più pericolose di pandemia
3 Minuti di Lettura
Martedì 7 Dicembre 2021, 17:45

(Teleborsa) - Le politiche monetarie delle banche centrali e del Congresso USA, oltre all'andamento dell'inflazione, saranno rischi maggiori per gli investitori rispetto all'andamento della pandemia. È quanto pensa David Solomon, CEO di Goldman Sachs. "Non credo che siamo in un nuovo paradigma in cui il mondo sarà fondamentalmente diverso. Ma ci vorrà del tempo per andare avanti - ha detto il numero uno della banca statunitense in un'intervista alla CNBC - In questo contesto, penso che la politica monetaria e fiscale avranno un impatto maggiore sulla traiettoria dei mercati rispetto alla pandemia da questo punto in avanti".

Un appuntamento a cui i mercati guardano con ansia è il meeting della FED di settimana prossima, in cui la banca centrale statunitense potrebbe velocizzare il ?tapering e decidere di alzare i tassi di interesse già nella primavera del 2022. A questo proposito, Solomon ha detto: "La cosa a cui non ho la risposta, e nessuno di noi ha la risposta, è quanto (il tapering) può essere fatto in modo agevole [...] o se ci saranno alcuni scossoni e volatilità lungo la strada".

Uno dei motivi per cui la FED sta iniziando a frenare gli acquisti di asset è che l'aumento dei prezzi al consumo è stato più forte di quanto previsto in precedenza. Solomon ha affermato che "abbiamo chiaramente un'inflazione reale nell'economia", aggiungendo che gli investitori potrebbero non apprezzare appieno cosa ciò significa. "Penso che mentre abbiamo avuto un'inflazione al di sotto del trend per un periodo di tempo piuttosto significativo, c'è una ragionevole possibilità che avremo un'inflazione al di sopra del trend per un certo periodo", ha detto. "Non significa che debba essere come negli anni '70 - potrebbe essere, non deve essere - ma quando pensi ai periodi in cui c'è inflazione, l'inflazione fa male ai prezzi degli asset e rallenta la capacità di fare soldi con quasi tutti gli asset".

Il CEO di Goldman Sachs ha evidenziato che la FED ha reagito all'inflazione intorno al 2004-06 con 17 aumenti dei tassi da giugno 2004 a giugno 2006. Durante quel periodo, quasi tutte gli asset hanno perso terreno, comprese le azioni, mentre gli unici vincitori sono stati petrolio e oro. "Ora non sto dicendo che accadrà, ma penso che stiamo vivendo in un mondo in cui le persone stanno dimenticando la storia, e questo potrebbe essere un periodo diverso - ha sottolineato Solomon - Penso che bisogna essere molto cauti e gestire il rischio in modo appropriato per il cambiamento che potrebbe accadere".

© RIPRODUZIONE RISERVATA