Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mantenere un figlio in Italia? Negli ultimi anni «è costato circa 640 euro al mese»: il rapporto di Bankitalia

Nel 2020 con il Covid la spesa è scesa a 540 euro

Mantenere un figlio in Italia? Negli ultimi anni «è costato circa 640 euro al mese»: il rapporto di Bankitalia
3 Minuti di Lettura
Martedì 31 Maggio 2022, 15:06 - Ultimo aggiornamento: 15:27

Una domanda storica, classica quasi. Quanto costa mantenere un figlio? Negli ultimi anni mantenere un figlio in Italia è costato circa 640 euro al mese. Nel 2020 però, complici le restrizioni della pandemia, la spesa si è leggermente abbassata a 580 euro: meno spostamenti e meno spese per il tempo libero. E secondo fotografia scattata da Bankitalia nella sua Relazione annuale, valutando il periodo 2017-2020 ed i nuclei familiari composti da 2 adulti e uno o più minori anche sui figli si riverbera il gap Nord-Sud del Paese: nelle fasce più alte di reddito al centro Nord la spesa supera gli 800 euro che al Sud non raggiunge, mentre nelle fasce di reddito più basse la differenza è meno accentuata ed in ogni caso la spesa non raggiunge i 400 euro mensili. Ma se pure in questo caso i dati mostrano un'Italia frammentata, con tante differenze tra diverse aree, diversi redditi e spese diverse (secondo altri numeri di Bankitalia al centro Nord il reddito medio nel 2020 era di 22.763 euro al sud ed Isole 14.124 euro), l'impegno per tirare su i figli resta più o meno lo stesso: al Mezzogiorno infatti si spende meno ma l'incidenza sul reddito è più o meno invariata. Perché infatti comunque, in maniera omogenea da Nord a Sud, un figlio pesa lo stesso sul bilancio famigliare, circa un quarto del reddito medio. Non solo, in ogni caso oltre la metà, (il 60%) della spesa totale viene impiegata per soddisfare i bisogni primari, cibo, abbigliamento, spese per la casa, istruzione e salute. In pratica ad incidere sul divario per circa un quinto le spese per la casa (che al Nord costa di più) e per circa due terzi i consumi meno essenziali. In dettaglio per il tempo libero e per la voce altro” ma anche per l'istruzione ed i trasporti. Numeri e proporzioni però dovrebbero cambiare da quest'anno.

Divorzio milionario per la principessa Haya Bint Hussein e lo sceicco Mohammed: lei percepirà 294 milioni

Assegno universale figli, cosa cambia: c'è chi ci guadagna (ma c'è anche la clausola di salvaguardia)

Da marzo infatti è iniziata l'erogazione dell'assegno unico e universale per le famiglie che prevede un importo massimo per figlio di 175 euro mensili ma sono previste maggiorazioni per i nuclei con almeno tre figli, per quelli in cui entrambi i genitori lavorano, se la madre ha meno di 21 anni e in presenza di figli in condizioni di disabilità. Secondo l'elaborazione di Bankitalia l'ammontare massimo sarebbe sufficiente a sostenere, a seconda dell'approccio di stima, tra un terzo e la metà circa delle spese necessarie per mantenere un minore alle famiglie della fascia di reddito più bassa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA