Manovra, Patuanelli: "Faremo il possibile per evitare qualsiasi tipo di aumento"

Manovra, Patuanelli: "Faremo il possibile per evitare qualsiasi tipo di aumento"
3 Minuti di Lettura
Giovedì 26 Settembre 2019, 13:30

(Teleborsa) - "Stiamo ragionando insieme al Mef per costruire in poco tempo una Manovra che sia rispettosa dei saldi di bilancio di finanza pubblica. Faremo tutto il possibile per evitare qualsiasi tipo di aumento". Queste le rassicurazioni del ministro per lo Sviluppo economico, Stefano Patuanelli in merito all'ipotesi di un aumento dell'Iva sui prodotti molto inquinanti, come il gasolio, nella prossima Legge di Bilancio.

"L'economia verde deve essere un acceleratore di quello che c'è in Italia, non penalizzante – ha commentato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia –. Non vorremmo che qualche dogmatico ci mettesse ipotesi di non gradualità. Mi sembra che la linea del ministro, per quanto abbiamo letto, sia più che condivisibile". Per Boccia, dunque, nessun timore: "L'industria italiana è prima in Europa in termini di economia circolare e il 76% dei consumatori sceglie il prodotto in merito alla sostenibilità. C'è una questione culturale e di mercato, si può realizzare un grande percorso", ha aggiunto il presidente di Confindustria, salutando favorevolmente la strada annunciata da Patuanelli soprattutto per quanto riguarda il fronte incentivi. "La questione della certezza degli incentivi è importante, lo vediamo con grande favore perché dà serenità alle imprese per pianificare gli investimenti" ha concluso.

Sulla questione aumenti, questa mattina, è intervenuto anche Matteo Renzi. "Questo governo è nato per non aumentare l'Iva e l'aumento selettivo dell'Iva è da evitare a tutti i modi" ha sottolineato il leader di Italia viva.

Per Confcommercio evitare l'aumento dell'Iva "è una sfida che non può essere persa perché, con un costo anche sociale pesantissimo, ne farebbe le spese un'economia italiana già sul filo della recessione" e – ricorda in una nota la Confederazione – come ha chiarito il premier Giuseppe Conte in occasione del discorso programmatico per il voto di fiducia del Parlamento, "la sfida più rilevante, per quest'anno, sarà evitare l'aumento automatico dell'Iva e avviare un alleggerimento del cuneo fiscale".

Con il prossimo rapporto annuale in vista della prossima manovra economica l'Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile (Asvis) ha fatto sapere che presenterà la proposta di una legge annuale della sostenibilità che preveda interventi organici e non frastagliati tra i tanti provvedimenti ma anche l'uso dei fondi per industria 4.0 finalizzati all'economia circolare e per aiutare le imprese sui costi per i report di sostenibilità. "Proponiamo che venga fatta una legge annuale sullo sviluppo sostenibile – ha detto Enrico Giovannini, portavoce dell'Asvis –. Sarebbe una risposta molto seria". Altro tema è quello della rendicontazione sullo sviluppo sostenibile, obbligatoria solo per le grandi imprese "perché veniva vista solo come un costo". I dati più recenti – come ha sottolineato Giovannini – dimostrano, invece, che le grandi imprese che hanno investito in sostenibilità hanno migliorato i propri conti del 15%. "Ora lo chiedono gli imprenditori stessi e tantissime imprese stanno facendo la rendicontazione volontaria. Ma finiamo al solito metodo all'italiana, ognuno la fa in modo proprio. Servirebbero invece finanziamenti per favorire una rendicontazione di questo tipo" ha concluso il portavoce.

© RIPRODUZIONE RISERVATA