Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mafia, De Lise: "Dal PNRR occasione per rafforzare leggi su confische"

Mafia, De Lise: "Dal PNRR occasione per rafforzare leggi su confische"
1 Minuto di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 16:15

(Teleborsa) - "I temi del contrasto alla criminalità organizzata, compliance e riutilizzo dei beni confiscati alle mafie sono estremamente attuali. Anche in un momento di crisi sanitaria ed economica non vogliamo abbassare lo sguardo su uno dei problemi atavici del nostro Paese, al quale tra l'altro guardano anche le istituzioni europee, come dimostrano i bandi PNRR sui beni confiscati e le proposte per estendere e rafforzare l'attuale legislazione sulle confische". È quanto ha affermato Matteo De Lise, presidente dell'Unione Nazionale Giovani Dottori Commercalisti ed Esperti Contabili, presentando la seconda edizione di convegno "Uniti per la Legalità", in programma giovedì 7 luglio dalle ore 9 presso l'Azienda Agricola Suvignano, il più grande bene confiscato alla criminalità in una regione del Centro-Nord Italia. Il convegno è stato promosso dalla commissione Diritto Penale dell'Economia UNGDCEC e organizzato dai co-delegati nazionali dell'Unione in materia, Sonia Mazzucco ed Enrico Lombardo, insieme ai componenti della commissione guidata da Carolina Rumboldt.

"Durante la giornata avremo diverse testimonianze di personalità impegnate a collaborare con lo Stato per il rispetto della legalità e favorire lo sviluppo dell'economia lecita – spiega De Lise –. Questa seconda edizione del convegno ha un significato particolare, perché si svolge nell'anno del 30esimo anniversario dell'uccisione dei giudici Falcone e Borsellino e del 40esimo anniversario di quella di Pio La Torre, promotore della legge che introdusse nel codice penale il reato di 'associazione di tipo mafioso' (art. 416 bis), e dell'attivista Rosario Di Salvo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA