Lotteria scontrini, prima estrazione giovedì: come funziona e come sapere chi ha vinto, premi fino a 5 milioni

Lotteria degli scontrini al via, giovedì la prima estrazione: ecco come funziona, vincite fino a 5 milioni
7 Minuti di Lettura
Martedì 9 Marzo 2021, 15:13 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 12:04

Lotteria degli scontrini al via e primi premi in arrivo. Il debutto è in programma giovedì 11 marzo 2021. In palio 10 premi da 100.000 euro per i consumatori e 10 premi da 20.000 euro per i negozianti. Ma si potranno vincere fino a 5 milioni. Alla prima estrazione parteciperanno gli acquisti trasmessi e registrati al sistema lotteria dal primo al 28 febbraio scorso. 

I partecipanti. In base agli ultimi dati disponibili, i soggetti che hanno già chiesto il codice per partecipare alla lotteria sono 4,09 milioni, con un numero di transizioni valide per la prima estrazione pari a quasi 17 milioni. Il numero di registratori telematici attivi è di 1,48 milioni e 304mila hanno inviato i dati per consentire di concorrere alla vincita dei premi. 

Che cos'è. La lotteria degli scontrini è la nuova iniziativa collegata al programma Italia cashless messo a punto dal Governo per incentivare i pagamenti con carta o app «al fine di modernizzare il Paese e favorire lo sviluppo di un sistema più digitale, veloce, semplice e trasparente». Per partecipare alla lotteria - che è gratuita - basta essere maggiorenni e residenti in Italia. E' necessario procurarsi su questo sito il codice lotteria e mostrarlo al negoziante prima di ogni acquisto di almeno un euro fatto esclusivamente con carta o mezzi di pagamento elettronico. 

Bonus baby sitter, come chiederlo all'Inps e come funziona

I biglietti virtuali. Ogni scontrino regalerà un biglietto virtuale per ogni euro speso con cui si potrà partecipare alla lotteria. Ad esempio: spendendo 10 euro si avranno 10 biglietti virtuali, con 45 euro 45 biglietti virtuali e così via fino a un massimo di 1.000 biglietti virtuali per ogni scontrino di importo pari o superiore a 1.000 euro. Se il pagamento è superiore a un euro, l’eventuale cifra decimale sopra 49 centesimi produrrà un altro biglietto virtuale.

Non è necessario conservare lo sconrino. Per dimostrare di aver pagato con una carta basterà l'estratto conto bancario. 

Video

Gli acquisti. Non consentono di partecipare alla lotteria gli acquisti di importo inferiore a un euro, gli acquisti online e i pagamenti effettuati nell’esercizio di attività di impresa, arte o professione. Inoltre nella fase di avvio della lotteria non consentono di partecipare alle estrazioni gli acquisti documentati mediante fatture elettroniche; gli acquisti nelle farmacie, parafarmacie, ottici, laboratori di analisi, ambulatori veterinari e gli acquisti per i quali l’acquirente richieda all’esercente l’acquisizione del proprio codice fiscale a fini di detrazione o deduzione fiscale. Non si può partecipare alla lotteria pagando con i ticket restaurant.

Il codice. Una volta ottenuto il codice lotteria, può essere stampato o salvato su un dispositivo mobile per poi mostrarlo al momento dell’acquisto. Il negoziante memorizzerà il codice con un lettore ottico o digitando il numero sul suo registratore di cassa. Il codice è univocamente abbinato al codice fiscale e, una volta collegato agli scontrini, produrrà biglietti virtuali della lotteria.

Carta d'identità elettronica l'alternativa allo Spid ma pochi gli enti collegati

Codice perso. Nel caso il codice lotteria venga perso potrà essere visualizzato nell'area riservata del sito della lotteria degli scontrini (a cui si accede con Spid, Carta di identità elettronica o Carta nazionale dei servizi). In alternativa se ne potrà generare uno nuovo accedendo sempre alla sezione “Partecipa ora”. Se poi si dovesse ritrovare il primo codice lotteria ottenuto, si potrà comunque utilizzare in alternativa a quello nuovo.

I premi. Sono previsti 15 premi da 25.000 euro ogni settimana (a partire da giugno) per chi compra e 15 premi da 5.000 euro ogni settimana per chi vende. Ci sono poi 10 premi mensili da 100.000 euro per chi compra e 10 premi ogni mese da 20.000 euro per chi vende. Ci sono infine anche un premio annuale da 5 milioni per chi compra e un premio da un milione per chi vende. La data dell’estrazione annuale deve invece essere ancora comunicata.

Le estrazioni. Dopo l'estrazione di giovedì 11 marzo, che darà il via alla distribuzione dei premi mensili, a giugno si terranno le prime estrazioni settimanali del 2021 e a inizio del 2022 si terrà la prima estrazione annuale che premierà uno degli acquisti cashless effettuati dal 1° febbraio al 31 dicembre 2021. Le estrazioni mensili verranno effettuate ogni secondo giovedì del mese, per gli scontrini trasmessi e registrati dal sistema lotteria entro le 23:59 dell’ultimo giorno del mese precedente. Se il secondo giovedì del mese coincide con una festività nazionale, l’estrazione è rinviata al primo giorno feriale successivo.

Le estrazioni settimanali. Giovedì 10 giugno 2021 saranno effettuate anche le prime estrazioni settimanali del 2021, a cui parteciperanno i biglietti viruali emessi con gli acquisti fatti dal 31 maggio 2021 al 6 giugno 2021 entro le ore 23:59. A partire da quella data, ogni giovedì verranno effettuate le estrazioni settimanali, per tutti gli scontrini trasmessi e registrati dal sistema lotteria dal lunedì alla domenica, fino alle ore 23:59, della settimana precedente. Se la giornata di estrazione coincide con una festività nazionale, l’estrazione è rinviata al primo giorno feriale successivo. 

Le strazioni mensili nel 2021.

giovedì 11 marzo
giovedì 8 aprile
giovedì 13 maggio
giovedì 10 giugno
giovedì 8 luglio
giovedì 12 agosto
giovedì 9 settembre
giovedì 14 ottobre
giovedì 11 novembre
giovedì 9 dicembre

Come viene comunicata la vincita. Agli acquirenti la comunicazione della vincita sarà effettuata tramite Pec (se l’indirizzo di posta elettronica certificata è stato fornito nella sezione “area riservata”) oppure con raccomandata all’indirizzo di residenza o al domicilio fiscale disponibile nell’Anagrafe nazionale della popolazione residente (Anpr) o in Anagrafe Tributaria (se l’indirizzo di posta elettronica certificata non è stato fornito nella sezione “area riservata” o non risulta attivo o se la casella risulti piena al momento della comunicazione). Gli esercenti vincitori saranno invece individuati sulla base del numero di partita Iva memorizzato nella banca dati “Sistema Lotteria”, tramite Pec all’indirizzo di posta elettronica certificata disponibile sull’Indice Nazionale degli Indirizzi di Posta Elettronica Certificata (Ini-Pec) o tramite raccomandata al domicilio fiscale nel caso in cui l’indirizzo di posta elettronica certificata non risulti attivo o la casella risulti piena al momento della comunicazione.

Spid, Cie, Cns e addio password: cosa cambia per i servizi della Pa

Come si ritirano i premi. L’Agenzia delle dogane e dei monopoli comunica la vincita tramite Pec o raccomandata garantendo in ogni momento la riservatezza dell’identità del vincitore e segnalando l’obbligo di andare - entro novanta giorni dalla ricezione della comunicazione - nell’ufficio dell'Agenzia territorialmente competente in base alla propria residenza o al proprio domicilio fiscale. Lì va effettuata l’identificazione e l’indicazione delle modalità di pagamento. L’Agenzia delle dogane effettua il pagamento dei premi esclusivamente mediante bonifico bancario o postale.

Premi scaduti. I premi non saranno più reclamabili trascorsi novanta giorni dalla ricezione della comunicazione di vincita. I premi settimanali, mensili e annuali non reclamati nel termine previsto, e i premi eventualmente non attribuiti, verranno versati all’Erario. 

Niente tracciamento. L’uso del codice lotteria non consente il tracciamento degli acquisti: al sistema lotteria arrivano solo dati sull’importo speso, la modalità di pagamento (contante o elettronico) e il codice lotteria, mentre non arrivano altre indicazioni descrittive dell'acquisto (tipologia del bene o del servizio acquistato). Né l’esercente né altri potranno quindi risalire a chi ha effettuato l'acquisto per profilazioni o analisi delle abitudini di spesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA