La Fed assicura che sarà "paziente" sul rialzo dei tassi

Giovedì 10 Gennaio 2019
(Teleborsa) - La Federal Reserve ha alzato il velo sui verbali dell'ultima riunione della Banca Centrale americana, mostrando una certa pazienza nell'alzare in futuro i tassi d'interesse grazie anche ad un'inflazione ancora poco convincente.

A preoccupare la Fed sono la volatilità dei mercati e la crescita globale, non solo alla luce dei negoziati USA - Cina sui dazi ma anche in vista della Brexit e per le tensioni politiche in Italia riguardanti la Manovra. "I mercati finanziari internazionali sono stati coinvolti da una maggiore percezione di rischi al ribasso sulle prospettive di crescita globali e da persistente incertezza nelle relazioni commerciali tra USA e Cina - recita il comunicato della Fed - . Gli investitori si sono anche concentrati sui negoziati per la Brexit e sul deficit di bilancio dell'Italia".

Nell'ultima riunione del FOMC del 18-19 dicembre, il Board ha deciso di alzare il costo del denaro di un quarto di punto, come ampiamente atteso dal mercato. Il costo del denaro è salito quindi tra il 2,25% e il 2,5%: è stato il quarto rialzo del 2018 e il nono dall'inizio del processo di normalizzazione (da dicembre del 2015). Nel comunicato che ha accompagnato la decisione, la Fed ha segnalato due rialzi dei tassi di interesse nel 2019, meno dei tre previsti in settembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«In consiglio non veniamo», rifiuto al quadrato sui rifiuti

di Simone Canettieri