Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Italia, fatturato industria aprile ai massimi dal 2000

Italia, fatturato industria aprile ai massimi dal 2000
2 Minuti di Lettura
Martedì 28 Giugno 2022, 10:30
(Teleborsa) - L'Istat stima che il fatturato dell'industria italiana, al netto dei fattori stagionali, sia aumentato ad aprile del 2,7% in termini congiunturali, sia per il totale sia per le componenti interna ed estera, e del 22% in termini tendenziali. Nel mese precedente si era registrato un +2,5% su base mensile e un +21,6% su base annuale. Nel trimestre febbraio-aprile 2022, l'indice complessivo è cresciuto del 6,6% rispetto al trimestre precedente (+6,4% sul mercato interno e +7% su quello estero).

L'indice destagionalizzato tocca il livello più elevato dall'inizio della serie storica, nel gennaio 2000, evidenzia l'Istituto nazionale di statistica. La dinamica risulta, tuttavia, meno accentuata considerando l'indicatore in termini di volume, disponibile per il comparto manifatturiero.

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, ad aprile gli indici destagionalizzati del fatturato segnano aumenti congiunturali per l'energia (+6%), i beni strumentali (+3,5%), i beni di consumo (+2,1%) e i beni intermedi (+2%).

Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 22%, con incrementi del 21,8% sul mercato interno e del 22,5% su quello estero. I giorni lavorativi sono stati 19 contro i 21 di aprile 2021. Per quanto riguarda gli indici corretti per gli effetti di calendario riferiti ai raggruppamenti principali di industrie, si registrano incrementi tendenziali molto marcati per l'energia (+64,4%), i beni intermedi (+30,3%) e i beni di consumo (+21,9%); più contenuto l'aumento per i beni strumentali (+4%). Tutti i settori di attività economica mostrano una crescita in termini tendenziali, ad eccezione dei mezzi di trasporto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA