Itabus, sfida di Montezemolo e Cattaneo per unire Centro e Sud con i pullman

Itabus, sfida di Montezemolo e Cattaneo per unire Centro e Sud con i pullman
di Rosario Dimito
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Aprile 2021, 07:16 - Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 11:33

Dopo il successo di Italo sulle rotaie dell'Alta Velocità, Luca Cordero di Montezemolo e Flavio Cattaneo avviano la rivoluzione su gomme con Itabus, un progetto che a regime coprirà 350 servizi giornalieri (50 mezzi da subito e 100 nel primo anno) e senza essere concorrente di altri mezzi di locomozione. L'investimento a regime sarà di oltre 220 milioni, 50 milioni la prima tranche di capitale sotto forma di finanziamento-soci. Il progetto è finanziato in leasing da Intesa Sanpaolo, già partner di Italo che naturalmente ha ridato sostegno anche a quest'altra iniziativa targata Montezemolo&Cattaneo. Altri partner tecnici sono l'Eni con i nuovi carburanti bio che testerà su Itabus, Tim per la connettività e Man (gruppo Wv) per la manutenzione e per i bus.

L'alta velocità per sua natura arriva nei capoluoghi di regione, i bus collegano invece le altre città. Itabus è posizionato nel Centro-Sud e collegherà le città fra il Tirreno e l'Adriatico, giocando la carta dell'intermodalità gomma-rotaia, sfruttando alta tecnologia e fully digital, avendo come priorità la sicurezza: i bus sono a due piani, dotati di comfort (classe top paragonabile all'executive dei Frecciarossa), toilette comode, distributori di snack e vivande, posti con prese più usb; infine un sistema di router e di connettività 4G e 5G di ultimissima generazione (attualmente in dotazione solo a Itabus) che consente a tutti i passeggeri di rimanere sempre connessi in wi-fi, senza avere le tipiche difficoltà di connessione di altri mezzi. Per i collegamenti più lunghi o quelli di notte, Itabus utilizza due autisti. La centrale operativa è a Roma: per 365 giorni l'anno e 24 ore al giorno è in grado di monitorare tutti i servizi. Il passaggio Roma-Napoli costa 1,99 euro, Roma-Matera 4,9 euro, Firenze-Roma 4,9.

Sicurezza e green

«Porti, aeroporti e stazioni questa è l'intermodalità su cui lavoreremo e lavoreremo con tutti i canali, comprese le agenzie di viaggio. Una cosa importante è poter toccare anche piccole città e piccoli centri e abbinare una qualità di viaggio e sicurezza con i servizi e un pullman all'avanguardia», ha spiegato ieri Montezemolo aggiungendo che «i prezzi sono difficilmente credibili, ma sono prezzi che ci danno un posizionamento sul mercato che nessun altro ha». «L'alta velocità non serve i propri passeggeri di notte perché deve fare manutenzione della rete», ha aggiunto Cattaneo presentando l'iniziativa in partenza il 27 maggio (da ieri sono possibili le prenotazioni sul sito). Cattaneo, tramite Partind, è il principale azionista con il 30% del capitale e azioni di tipo A che riservano poteri patrimoniali rafforzati. A loro volta GI Globalinvestment ltc (Montezemolo), Mais (Isabella Seragnoli), GLP srl (Lucio Punzo), DBUS (Angelo Donati) hanno il 17,5% ciascuno e azioni di categoria B.


Il coraggio dei soci

Itabus è un'iniziativa che punta oltre che sulla massima sicurezza anche sul green, perché monta motori euro 6D con minori emissioni inquinanti. «Itabus beneficia del coraggio di azionisti che si conoscono dai tempi di Italo, hanno accettato questa sfida, hanno fiducia nel progetto, credono in questo momento delicato della pandemia» ha osservato Cattaneo - L'idea era di coprire un settore dove c'erano molti operatori a fare battaglie sul prezzo, ma la qualità era completamente dimenticata». «Partiamo con pullman all'avanguardia», ha dichiarato a sua volta Montezemolo spiegando che i mezzi sono stati commissionati alla tedesca Man attraverso un'asta generale». «Man - ha aggiunto l'imprenditore - ci garantisce non solo innovazione tecnologica ma grande sostenibilità».
Va rimarcato che il Recovery Plan messo a punto dal governo e in fase di varo da parte del Parlamento assegna alcune centinaia di milioni per costruire terminal per autobus nei principali capoluoghi di provincia: a Roma ne sorgerà uno di fronte alla stazione Tiburtina.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA