Istituto per il credito sportivo, nel 2021 erogati finanziamenti per 342 milioni (+6%)

3 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Gennaio 2022, 15:08

Un 2021 in crescita per l’Istituto per il credito sportivo (Ics) che ha confermato una tendenza positiva già manifestata nell’esercizio 2020.

L’Ics, banca sociale per lo sviluppo sostenibile dell’Italia attraverso lo sport e la cultura, spiega una nota, ha raggiunto un nuovo record sia in relazione alle erogazioni dei finanziamenti, 342 milioni di euro (+6%) rispetto al 2020, sia relativamente agli importi deliberati che si attestano a 372 milioni di euro di nuovi affidamenti, in rilevante crescita di circa 63,8 milioni di euro (+21%) rispetto al 2020.

Rilevante, in particolare, la spinta degli impieghi per lo sviluppo infrastrutturale sportivo e culturale, che hanno raggiunto i 277 milioni di euro, con una crescita di circa 58 milioni di euro (+26%) rispetto al risultato del 2020, dei quali circa i due terzi sono stati a favore di Enti Locali e un terzo per imprese ed enti no profit. Significativo l’impegno messo in campo nel settore Cultura, uno degli obiettivi qualificanti del Piano Industriale 2020-2023: 43 milioni di euro di finanziamenti, 37 milioni di euro a beneficio degli Enti Locali e 6 milioni di euro per i soggetti privati.

Grazie ai finanziamenti erogati dall’Istituto si sono potuti sviluppare progetti nell’ambito della Cultura per oltre 104 milioni di euro. Fondamentale, poi, il supporto alla liquidità di imprese, società e associazioni sportive dilettantistiche nel contesto pandemico, con erogazioni pari a 65 milioni di euro agevolate dall’intervento dei Fondi Speciali, Garanzia e Contributi in conto interessi, alimentati grazie alle misure previste dal “Sostegni Bis” dedicate allo sport e gestite per conto dello Stato da ICS. Sono state attivate, inoltre, nuove linee di prodotto nell’operatività a breve termine: il factoring e l’acquisto dei crediti fiscali, con erogazioni per 13 milioni di euro.

Per il presidente Andrea Abodi “i gratificanti risultati conseguiti da Ics nel 2021 rappresentano un’importante tappa nel percorso di crescita delineato dal Piano Industriale 2020-2023, orientato alla creazione di valore economico e sociale a beneficio del nostro Paese, attraverso lo sviluppo sostenibile dello Sport e della Cultura. Produrre utili ed essere utili, come siamo riusciti a fare lo scorso anno a livelli mai raggiunti dall’Istituto nella sua lunga storia, rappresenta un elemento distintivo e qualificante della nostra missione di banca pubblica che sente il dovere di contribuire al rilancio dell’Italia e al miglioramento del benessere e della qualità della vita di un numero crescente di persone e di imprese che si dedicano a vario titolo allo Sport e alla Cultura. Ci inorgoglisce anche il nuovo percorso iniziato nel 2021 per la valorizzazione del patrimonio culturale, materiale e immateriale, del nostro Paese, di concerto con il Ministero della Cultura, con 73 progetti pubblici e privati autorizzati, che grazie al nostro finanziamento hanno mobilitato investimenti per oltre 104 milioni di euro”.

Il direttore generale, Lodovico Mazzolin, ha poi sottolineato la determinazione di Ics verso l’innovazione e lo sviluppo sostenibile: “Abbiamo implementato soluzioni finanziarie innovative per rispondere ai bisogni del settore sportivo e culturale, facendo leva su una più stretta connessione tra finanza e sociale, con l’obiettivo di liberare tutte le potenzialità a supporto di un sano sviluppo del nostro Paese. La Banca ha lavorato con determinazione anche nel sostegno alla liquidità dedicata a imprese, società ed associazioni sportive dilettantistiche. In particolare, per quest’ultime, grazie alla produzione del 2020 e del 2021, abbiamo raggiunto 168,60 milioni di euro di erogazioni per superare il contesto pandemico. Il Credito Sportivo ha raggiunto lo scorso anno il record di produzione, lanciando nuove linee di prodotto e soluzioni, proseguendo nell’innovazione con forte orientamento al sociale e allo sviluppo sostenibile. Abbiamo in programma altre soluzioni per rafforzare la nostra offerta e soddisfare le esigenze dei diversi target di clientela, che ci rendono fiduciosi per il futuro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA