Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Istat: grande incertezza su impatto guerra, risparmio fra punti di forza economia

Istat: grande incertezza su impatto guerra, risparmio fra punti di forza economia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Aprile 2022, 11:45

(Teleborsa) - Il 2022 si è aperto con una stabilizzazione del commercio mondiale di merci ed un deterioramento delle prospettive per gli scambi internazionali. E questo perché alla crisi sanitaria, in via di attenuazione, si è sovrapposto il conflitto tra Russia e Ucraina, che ha aumentato l'incertezza e accentuato fortemente le tensioni nei mercati delle materie prime. Nonostante la possibilità di effetti economici negativi dovuti all'inatteso scoppio del conflitto, le principali banche centrali hanno confermato un percorso di normalizzazione della politica monetaria.

E' quanto rileva l'ultima nota mensile dell'Istat, secondo cu i dati congiunturali dell'Area Euro incorporano solo in parte gli effetti delle tensioni geopolitiche, ma le prospettive hanno subito un peggioramento.

In Italia, le informazioni disponibili dal lato delle imprese, anche se ancora prevalentemente riferite al periodo precedente il conflitto, segnalano un diffuso rallentamento e in alcuni casi una flessione dell'attività. A febbraio, la produzione industriale ha segnato un deciso rimbalzo congiunturale, ma ipotizzando per marzo un livello dell'attività economica uguale a quello di febbraio, il primo trimestre chiuderebbe con una produzione industriale in calo dello 0,9%.

I miglioramenti dei consumi, dei redditi e del mercato del lavoro segnati fino a febbraio si sono associati a un progressivo deterioramento della fiducia delle famiglie divenuto più accentuato a marzo. I segnali provenienti dal mercato del lavoro, a febbraio, sono rimasti positivi con un aumento dell'occupazione e una flessione della disoccupazione e dell'inattività. Tuttavia, le attese delle imprese sull'andamento dell'occupazione iniziano a presentare segnali meno favorevoli.

A marzo, è proseguita la fase di aumento dell'indice armonizzato dei prezzi al consumo IPCA (+7% in termini tendenziali) ma il differenziale inflazionistico con l'area euro è tornato negativo come effetto dell'ampliamento del gap relativo ai beni industriali non energetici e ai servizi.

L'impatto della guerra sull'economia italiana rimane di difficile misurazione - sottolinea l'Istat - e si innesta all'interno di una fase del ciclo caratterizzata da una crescita di alcuni settori economici, degli investimenti e del mercato del lavoro. Nonostante l'accelerazione dell'inflazione, l'attuale tasso di investimento, tornato ai livelli del 2008, e l'ancora elevata propensione al risparmio potrebbero rappresentare punti di forza per lo sviluppo dell'economia nei prossimi mesi.

In questo scenario, la forte accelerazione dell'inflazione, condizionata dall'andamento dei prezzi dei beni energetici, costituisce ancora il principale rischio al ribasso a cui si associano i possibili effetti negativi legati al rallentamento del commercio internazionale e all'apprezzamento del dollaro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA