Intesa Sanpaolo, finanziamento da 50 milioni di euro al Campus Bio-Medico

Intesa Sanpaolo, finanziamento da 50 milioni di euro al Campus Bio-Medico
3 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Maggio 2021, 14:15 - Ultimo aggiornamento: 15:43

Intesa Sanpaolo e Campus Bio-Medico SpA, uno degli Enti Promotori dell'Università Campus Bio-Medico di Roma, hanno sottoscritto un accordo di finanziamento per un ammontare complessivo di 50 milioni di euro legato a investimenti con caratteristiche innovative di sostenibilità. Il piano di investimenti così finanziato prevede la realizzazione di nuovi spazi ed infrastrutture per la didattica universitaria, la formazione e la ricerca scientifica tutti con caratteristiche di sostenibilità ambientale ed efficienza energetica.

Come si spiega in una nota, "Intesa Sanpaolo conclude così un'ulteriore operazione a valere sui 6 miliardi di euro dedicati alla circular economy previsti nel Piano d'Impresa 2018-2021, plafond che dal suo lancio ha finanziato circa 200 progetti. Il finanziamento è stato concluso dalla Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo guidata da Mauro Micillo con il supporto del Circular Economy Desk di Intesa Sanpaolo Innovation Center, società dedicata all'innovazione e alla diffusione dell'economia circolare.

"Per Intesa Sanpaolo è motivo di grande orgoglio e soddisfazione poter supportare un'eccellenza italiana come l'Università Campus Bio-Medico di Roma nei propri progetti di sviluppo – ha dichiarato Richard Zatta, Responsabile Global Corporate della Divisione IMI Corporate & Investment Banking di Intesa Sanpaolo. In un momento come quello attuale, segnato profondamente dagli effetti della crisi pandemica, il sostegno al settore della sanità, dell'università e della ricerca scientifica appare ancora più cruciale. Il progetto finanziato permetterà di ampliare ulteriormente gli spazi per la didattica universitaria con strutture ecosostenibili e a basso impatto ambientale".

"Una grande crisi come quella in atto ha reso evidenti le molte fragilità del nostro sistema socio-economico ma al contempo rivela le grandi opportunità delle Università che si trovano a poter tradurre le esigenze di cambiamento verso grandi avanzamenti tecnologici, sociali, di conoscenza scientifica e di riflessione sui valori fondanti del nostro vivere civile, sull'organizzazione sociale e sull'impegno al servizio degli altri – ha dichiarato Giuseppe Garofano, Presidente della Campus Bio-Medico SpA – Soggetto Promotore dell'Università Campus Bio-Medico di Roma. In questo contesto, i fondi di cui potremo disporre saranno investiti secondo un disegno coerente con la mission dell'Ateneo per potenziarne l'offerta formativa e di servizio secondo il paradigma della sostenibilità integrale: ambientale, economica, sociale e finanziaria che saranno l'infrastruttura culturale sulla quale perseguiremo il piano di sviluppo a lungo termine dell'Ateneo."

L'operazione prevede una tranche di circa 30 milioni di euro finalizzata alla realizzazione di infrastrutture verdi e di mobilità e spazi innovativi dedicati alla formazione universitaria, all'apprendimento informale e alla campus life che accoglieranno gli studenti dell'Ateneo già a partire dall'Anno Accademico 2022-23. Il progetto prevede un significativo miglioramento dell'efficienza energetica sia dei nuovi spazi, sia dei vari impianti connessi che permetteranno di ottimizzare l'irraggiamento solare, regolare il rinnovo dell'aria e consentiranno, inoltre, la produzione del calore necessario per il riscaldamento evitando così la combustione di metano. Una seconda tranche da 20 milioni di euro sarà finalizzata a rifinanziare, allungando la scadenza, la rimanente parte di un precedente mutuo concesso per consentire la costruzione del complesso ospedaliero e universitario che oggi costituisce uno dei centri di eccellenza medici, scientifici ed accademici del Paese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA