Intel, Corte UE annulla multa Antitrust da 1,06 miliardi di euro

Intel, Corte UE annulla multa Antitrust da 1,06 miliardi di euro
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 26 Gennaio 2022, 13:15

(Teleborsa) - La Corte di giustizia dell'Unione europea (CURIA) ha annullato parzialmente la decisione della Commissione che ha inflitto a Intel un'ammenda di 1,06 miliardi di euro, in quanto l'analisi effettuata dall'Antitrust UE è risultata incompleta e non permette di dimostrare in modo giuridicamente sufficiente che gli sconti controversi applicati dall'azienda statunitense erano in grado di oppure idonei ad avere effetti anticoncorrenziali. Il Tribunale si è detto non in grado di individuare l'importo dell'ammenda afferente unicamente le restrizioni allo scoperto e, di conseguenza, ha deciso di annullare integralmente l'articolo della decisione impugnata che infligge a Intel l'ammenda da 1,06 miliardi di euro.

A maggio 2009, la Commissione europea aveva inflitto al produttore di microprocessori un'ammenda per aver abusato della sua posizione dominante sul mercato mondiale dei processori x86 nel periodo tra l'ottobre 2002 e il 2007, mettendo in atto una strategia volta a estromettere dal mercato i suoi concorrenti. In particolare, Intel avrebbe applicato a quattro grandi produttori di apparecchiature informatiche (Dell, Lenovo, Hewlett-Packard e NEC) sconti condizionati al fatto che questi si rifornissero dalla stessa per tutto, o quasi tutto, il loro fabbisogno di processori x86. L'analisi realizzata dalla Commissione "è incompleta e, in ogni caso, non permette di dimostrare in modo giuridicamente sufficiente che gli sconti controversi della ricorrente erano in grado di o idonei ad avere effetti anticoncorrenziali", ha affermato oggi la Corte UE.

© RIPRODUZIONE RISERVATA